In molti ricordano la tristissima vicenda che ha visto per protagonisti Massimo Di Cataldo e la compagna Anna Laura Millacci: la donna su Facebook ha pubblicato delle foto con viso tumefatto e i resti di un "feto" o qualcosa di simile.. Accusando il cantautore, padre di sua figlia, di violenze e procurato aborto. La vicenda ha sollevato un vespaio di polemiche e, non dimentichiamolo, insulti pesanti a Di Cataldo: in moltissimi hanno dato sfogo sui Social a offese e ingiurie di qualsiasi genere rivolte all'artista.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Ora arriva la verità dai tribunali: Massimo è già stato prosciolto dall'accusa di procurato aborto e adesso si procede con la richiesta di archiviazione totale di tutte le (infamanti) accuse.

Massimo Di Cataldo- Anna Laura Millacci: nessuna violenza sulla ex compagna

Di Cataldo il aula ha accusato l'ex compagna di aver pubblicato delle foto false per pura vendetta per la fine della loro relazione.

Secondo una perizia fotografica dell'avvocato del cantautore non ci sarebbe alcuna corrispondenza tra le traccie ematiche presenti sulle foto e le ferite sul viso di Anna Laura. Insomma un clamoroso falso. Ma cosa può spingere una donna a tanto? Si tratta sempre del padre di sua figlia. Che conseguenze ha avuto questa brutta vicenda sulla vita privata, pubblica e professionale di Massimo Di Cataldo? Quanto è facile costruire un "mostro"?

Massimo Di Cataldo e la vicenda del procurato aborto alla ex compagna: e adesso?

Questa vicenda, probabilmente, farà riflettere in molti sia sulla potenza di alcuni mezzi di comunicazione come i Social sia su quanto sia facile rovinare la vita e la reputazione di qualcuno pubblicando accuse infamanti. Massimo Di Cataldo, comprensibilmente e umanamente, non ha certo passato bei momenti grazie a questa pietosa vicenda che mette in luce un fenomeno grave e in aumento: non esiste solo la violenza degli uomini nei comfronti delle donne ma anche quella fisica o psicologica delle donne nei confronti dell'altro sesso.

I migliori video del giorno

Chi ripagherà Massimo Di Cataldo per quello che ha subito? In molti si chiedono se prima di pubblicare certe notizie gli organi di informazione non debbano verificarne l'autenticità. Quanto è facile gridare al "mostro"? Di Cataldo a questo punto potrebbe far incriminare la Millacci per simulazione di reato e calunnia. Vedremo come finirà!