Annuncio
Annuncio

Con una circolare il Viminale ha dato il via libera alla Polizia per l'uso dello spray al peperoncino. È stata avviata una sperimentazione di sei mesi, nella quale gli agenti saranno dotati di un dispositivo nei servizi di ordine pubblico. La sperimentazione sarà operativa nei reparti mobili di Roma e Napoli per essere poi estesa ad altri reparti a seconda delle esigenze legate a particolari servizi di ordine pubblico. La circolare entrata in vigore, specifica che il dispositivo deve essere utilizzato, valutando particolari situazioni nelle quali sarà necessario ripristinare la legalità e dove esistono reali minacce o violenze a carico degli agenti della Polizia.

Il provvedimento è stato adottato per consentire agli agenti di tutelare la propria incolumità e quella dei cittadini, in maniera semplice e senza creare eccessivi danni fisici a persone o cose.

Advertisement

Tale dispositivo è già operativo in diversi Paesi europei e d'oltreoceano, con ottimi risultati di sicurezza, l'Italia sta cercando di adeguarsi individuando attività di ordine pubblico poco invasive e innocue alla vita dell'uomo. Le speciali bombolette si differenziano in due diversi dispositivi e per ogni squadra ne verranno assegnati cinque di un modello nei primi tre mesi e altri cinque del secondo tipo per il restante periodo. In ogni squadra, un solo agente verrà equipaggiato del dispositivo, anche se tutti i componenti saranno coinvolti nel tipo di servizio, è stato anche previsto uno speciale addestramento al quale saranno sottoposti più di mille agenti.

La formazione relativa all'uso del dispositivo, sarà oggetto di addestramento per 650 uomini che prestano servizio nella Capitale e 480 poliziotti facenti parte dei reparti mobili operativi di Napoli.

Advertisement
I migliori video del giorno

L'obiettivo è quello di raggiungere una formazione idonea all'utilizzo corretto di queste particolari bombolette, se la sperimentazione andrà a buon fine, si deciderà se estenderla per tutti i reparti d'Italia, sempre predisponendo speciali corsi che prepareranno gli agenti, prima di consegnare i dispositivi in dotazione.