Resterà in carcere Veronica Panarello, la ventiseienne madre di Andrea Loris Stival, accusata di avere ucciso il figlio. La decisione del Tribunale del Riesame è arrivata ieri e ha lasciato molto delusa la donna. Secondo l'accusa, Veronica Panarello avrebbe strangolato con una fascetta da elettricista il figlio di appena otto anni e lo avrebbe poi buttato nel canalone della zona del "Vecchio Mulino", nei pressi di Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa. Veronica Panarello, però, continua a ripetere di essere assolutamente innocente: "Sono delusa dalla decisione dei giudici, non vogliono credermi".

Ultime news Andrea Loris Stival, la zia Antonella Stival: 'Dai video solo immagini sfocate e non certezze'

Ad incastrare Veronica Panarello sono le immagini delle telecamere di sorveglianza di Santa Croce Camerina, che non collimano con la sua versione dei fatti.

La zia acquisita della madre del piccolo Andrea Loris, Antonella Stival, crede fermamente nell'innocenza della donna e ha voluto dire la sua sui video che inchioderebbero Veronica Panarello: "Dai video si vedono solo immagini sfocate, non limpide e non chiare, solo ombre che si muovono. Non ci sono certezze dai video: Veronica continua a dire di avere accompagnato il piccolo Loris a scuola e io le credo fermamente, perchè so quanto amava i suoi figli". La zia Antonella Stival sta lottando con grande tenacia per la nipote; sta sostenendo da giorni il gruppo Facebook "Veronica Panarello è innocente" e ha affermato che combatterà fino alla fine per trovare il vero colpevole dell'omicidio del piccolo Andrea Loris Stival.

Ultime news Andrea Loris Stival, parla Orazio Fidone: 'Sarei stato sorpreso se avessero liberato Veronica Panarello'

Sulla decisione dei giudici è intervenuto anche Orazio Fidone, il cacciatore sessantaquattrenne che ha ritrovato il cadavere del piccolo Andrea Loris Stival, mettendosi volontariamente alla ricerca del bimbo.

I migliori video del giorno

"Sarei stato sorpreso se i giudici del Tribunale del Riesame di Catania avessero liberato Veronica Panarello, ha affermato il cacciatore pensionato, che è iscritto al registro degli indagati come atto dovuto della Procura.