I dati sono preoccupanti. L'Unhcr ha riferito che le guerre in Medio Oriente e Africa hanno causato una stima di 5,5 milioni di persone evacuate nel corso dei primi 6 mesi del 2014, segnando un ulteriore aumento del numero di persone sfollate con la forza. Il nuovo rapporto dell' Unhcr, "Mid-Year Trends 2014", mostra che su 5,5 milioni di persone recentemente sfollate, 1,4 milioni sono fuggite attraverso i confini internazionali diventando rifugiati, mentre gli altri sono stati sfollati all'interno dei loro paesi. Tenendo conto delle popolazioni sfollate, le revisioni dei dati, i rimpatri volontari e il reinsediamento, il numero di persone che vengono aiutate da UNHCR ammonta a 46,3 milioni a partire dalla metà del 2014, 3,4 milioni in più rispetto alla fine del 2013. 

Siria primo paese al mondo. Tra i principali risultati del rapporto emerge che i siriani, per la prima volta, sono diventati la più grande popolazione di rifugiati sotto il mandato dell'UNHCR, superando afghani, che hanno tenuto quella posizione per più di 3 decenni.

Più di 3 milioni a partire dal giugno 2014, i profughi siriani ora rappresentano il 23% di tutti i rifugiati aiutati da UNHCR in tutto il mondo.

Il trend delle popolazioni assistite da Unhcr. Nonostante vadano al secondo posto i 2,7 milioni di rifugiati afghani in tutto il mondo, restano i rifugiati (per almeno su cinque anni) più aiutati dall'UNHCR. Dopo la Siria e l'Afghanistan, i principali paesi di origine dei rifugiati sono Somalia (1,1 milioni), Sudan (670.000), Sud Sudan (509.000), la Repubblica democratica del Congo (493.000), Myanmar (480.000) e Iraq (426 mila). Pakistan, che ospita 1,6 milioni di rifugiati afghani, rimane il paese ospitante più grande in termini assoluti. Altri paesi con grandi popolazioni di rifugiati sono il Libano (1,1 milioni), Iran (982.000), la Turchia (824.000), la Giordania (737.000), Etiopia (588.000), Kenya (537.000) e Ciad (455.000).

I paesi ospitanti.

I migliori video del giorno

Confrontando il numero di rifugiati dalle dimensioni della popolazione di un paese o di economia, il rapporto dell'UNHCR inserisce il contributo dei paesi ospitanti nel contesto dei dati analizzati: relativa alle dimensioni delle loro popolazioni Libano e Giordania ospitano il maggior numero di rifugiati, mentre rispetto alle dimensioni delle loro economie gli oneri portati da Etiopia e Pakistan sono maggiori.

In tutto il numero di rifugiati sotto il mandato dell'UNHCR ha raggiunto 13 milioni intorno la metà dell'anno, il più alto dal 1996, mentre il numero totale di sfollati interni protetti o assistiti dall'agenzia ha raggiunto un nuovo massimale di 26 milioni. "Nel 2014 abbiamo visto che il numero di persone da aiutare è cresciuto a livelli senza precedenti. Fino a quando la comunità internazionale continua a non a trovare soluzioni politiche ai conflitti esistenti e a prevenire quelli nuovi da iniziare, continueremo ad avere a che fare con le drammatiche conseguenze umanitarie ", ha dichiarato l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati António Guterres.

"Il costo economico, sociale ed umano dell'aiuto per i rifugiati e gli sfollati interni viene sopportato soprattutto dalle comunità povere, da coloro che non sono in grado di permetterselo. Rafforzare la solidarietà internazionale diventa urgente se si vuole evitare il rischio di più e di più persone vulnerabili e lasciate senza un adeguato sostegno ".