Annuncio
Annuncio
Le indagini sull'omicidio del piccolo Andrea Loris Stival continuano, giorno dopo giorno, alla ricerca di qualche importante indizio che possa condurre al colpevole di questo atroce delitto. Dall'8 dicembre scorso, si trova in carcere la madre del piccolo Loris con l'accusa di essere stata lei ad uccidere il figlio. Fin qui, gli elementi in possesso degli inquirenti sarebbero sufficientemente validi per confermare tale accusa: le immagini delle varie telecamere hanno permesso di ricostruire, seppur a grandi linee, come potrebbero essersi svolti i fatti, anche se esistono ancora dei punti oscuri che la pubblica accusa dovrà cercare di chiarire. Veronica Panarello ha ucciso o no il figlio Loris? Se da un lato, sappiamo bene quanto sia assurdo che una madre possa essere capace di un simile gesto, dall'altra sappiamo altrettanto bene come esistano dei casi precedenti, successi anche qui in Italia, che dimostrano quanto tutto ciò possa essere possibile.

Giallo Loris Stival: Veronica Panarello avrebbe premeditato il delitto?

Il settimanale 'Giallo' che si occupa anche di altri casi particolarmente inquietanti come quello legato alla morte della povera Elena Ceste, ha citato l'ordinanza del tribunale del Riesame di Catania, attraverso la quale è stata rigettata la richiesta di scarcerazione presentata dall'avvocato Francesco Villardita. Secondo quanto affermato dal Tribunale, infatti, Veronica Panarello aveva già deciso di uccidere Loris e non si tratterebbe, quindi, di un 'raptus' improvviso. Sempre secondo quanto riportato dal settimanale 'Giallo', la donna avrebbe provveduto a fare un sopralluogo proprio nel punto dove poi è stato ritrovato il corpo senza vita del piccolo di otto anni. Secondo gli inquirenti, le prove che confermerebbero la premeditazione del delitto, sarebbero costituite dalle immagini delle telecamere di sorveglianza che hanno ripreso, quella tragica mattina del 29 novembre, Veronica Panarello nella zona del 'Mulino Vecchio'. Se l'ipotesi dell'omicidio madre-figlio rappresenta una delle più assurde teorie, impossibili da comprendere, la premeditazione di un tale gesto sarebbe indubbiamente ancora più difficile da accettare.