Siamo vicini ad una possibile svolta per quanto riguarda il duplice omicidio di Pordenone, dove il 17 marzo Trifone Ragone e Teresa Costanza sono stati uccisi a 'sangue freddo' nel parcheggio della palestra dove si allenavano. Sono arrivate, infatti, delle novità particolarmente interessanti dal Procuratore Marco Martani, incaricato delle indagini. Innanzitutto, l'attenzione degli inquirenti si sta sempre più concentrando verso l'ambiente della palestra frequentato dai due fidanzati: sembra, infatti, che Trifone e Teresa abbiano avuto un 'contrasto' con colui (o colei) che poi li ha freddamente uccisi. Inoltre si stanno esaminando con attenzione le immagini dei video prodotti dagli operatori della televisione locale TelePordenone subito dopo la macabra scoperta dei cadaveri.

Perchè tanta attenzione verso quei momenti ripresi subito dopo il ritrovamento dei corpi?

Delitto di Pordenone: il killer era ancora sul luogo del delitto, insieme ai 'curiosi'?

Dalle immagini in possesso degli investigatori, si possono vedere molte persone, presenti alle ore 20 dello scorso 17 marzo 2015, nel parcheggio della palestra: c'erano colleghi di Trifone e Teresa, atleti e naturalmente tanti curiosi per quanto successo. L'elemento che desta maggiore interesse è quello relativo al fatto che gli inquirenti siano convinti che il killer si trovasse in mezzo a quella folla per 'controllare' la situazione. Si ritiene, infatti, che l'assassino abbia lasciato il luogo del delitto solo in un secondo tempo, proprio per non dare nell'occhio: un ulteriore indizio che testimonierebbe l'estrema calma e padronanza di sé mostrata dall'omicida. 

Omidicio Trifone e Teresa: c'è un nesso con il mistero delle 'rose appassite'?

Vi abbiamo parlato, inoltre, nei giorni scorsi del mistero legato alle rose appassite lasciate circa una settimana prima, nei pressi del luogo del delitto: sarebbero stati due uomini e una donna bionda ad aver compiuto l'insolito gesto. Sarà interessante mettere a confronto le testimonianze dei residenti che hanno notato i tre sconosciuti con le persone che erano presenti sul luogo del delitto, proprio poco dopo il ritrovamento dei cadaveri di Trifone Ragone e di Teresa Costanza. C'è un nesso tra i due elementi che possa condurre alla soluzione del duplice delitto di Pordenone?