Clamorose novità sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia da Cà Raffaello, con l'arresto del frate Gratien Alabi che oltre ad essere accusato di omicidio è ora accusato anche dell'occultamento del corpo della donna. La località Ca' Raffaello si trova nell'Aretino. Padre Alabi è stato messo in arresto nella Capitale. La misura restrittiva della custodia cautelare è stata firmata dal gip di Arezzo Piergiorgio Ponticelli. Dalla misteriosa sparizione della Piscaglia è trascorso un anno circa, un anno durante il quale le indagini degli inquirenti non si sono mai fermate.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

All'inizio dell'inchiesta Alabi era sospettato di un reato meno grave e cioè il solo favoreggiamento. Grandi polemiche e non poco stupore aveva suscitato il ritrovamento nel computer di Padre Gratien di foto di suore seminude: certo non quel che ci si immagina di trovare nella memoria del pc di un frate.

Difficile dire però se quelle foto erano davvero dirette a lui. Lo capiremo in seguito. Guerrina era sposata ma si diceva stanca di suo marito.

Le indagini hanno prodotto risultati

La Piscaglia è scomparsa ai primi di maggio dell'anno 2014. Secondo quanto scoperto durante le indagini, la donna era in dolce attesa. Guerrina Piscaglia avrebbe comunicato al frate che era lui il padre del nascituro, cosa che potrebbe aver scatenato la sua reazione. Bisogna però precisare che, fin dall'inizio, il religioso ha rispedito al mittente le accuse affermando come la cosa risulti impossibile dal momento che non ha mai avuto rapporti con la donna. Sembra inoltre che l'uomo invitò la donna ad eseguire il test di paternità all'ospedale e precisamente al nosocomio "Silvestrini" di Perugia.

I migliori video del giorno

Per la cronaca padre Gratien è di nazionalità congolese. Recentemente alcune ossa ritrovate nel cimitero di Sestino sembravano compatibili col profilo della Piscaglia e da quel giorno l'inchiesta ha avuto una svolta decisa. La vicenda necessita ovviamente di ulteriori approfondimenti che saranno eseguiti nei prossimi mesi. Se volete restare informati potete cliccare sul pulsante "segui" alla destra del nome in alto.