Giungono importanti indiscrezioni sul delitto di Pordenone, che ha letteralmente sconvolto l'opinione pubblica. Chi ha ucciso Trifone Ragone e Teresa Costanza, quella che era considerata la coppia più bella della città? Ancora mistero sul killer, ma, secondo quanto riporta il sito 'Leggo.it', sembra che si sia trattato di un'esecuzione militare. Ecco tutti i dettagli delle ultime indiscrezioni.

Ultime notizie delitto di Pordenone, sembra che la svolta sia molto vicina

Nell'ultima puntata di 'Segreti e delitti' si è parlato a lungo del delitto di Pordenone: i genitori di Trifone Ragone, Eleonora e Francesco, sono apparsi in televisione per la prima volta e hanno dichiarato di non essere asssolutamente a conoscenza del movente del brutale omicidio.

Hanno comunque affermato che stanno continuando a collaborare con gli investigatori per cercare di scoprire la verità su questa tragedia. Nel corso della trasmissione è stata fatta l'ipotesi che si sia trattato di un'esecuzione di stampo militare.

L'assassino di Trifone Ragone e Teresa Costanza sarebbe, dunque, un killer professionista, freddo e preciso, addestrato per uccidere. L'omicidia avrebbe utilizzato una tecnica in uso tra i militari, che viene impiegata per uccidere in pochi secondi in ambienti molto stretti e dove non è facile muoversi. La svolta sembra sempre più vicina, anche se è ancora mistero sul movente.

All'inizio delle indagini si è pensato ad un movente passionale: Trifone Ragone avrbebe amato la donna di un uomo molto pericoloso e sarebbe stato punito. Nella seconda fase delle investigazioni, invece, gli inquirenti avevano preso seriamente in considerazione la tesi di uno stalker, senza però trovare effettivi riscontri.

I migliori video del giorno

Ora è sempre più probabile l'ipotesi di un killer professionista: i genitori di Trifone Ragone, inoltre, hanno affermato di non escludere che l'assassino possa avere conosciuto il figlio. L'impressione, dunque, è che gli investigatori concentreranno le indagini sull'ambiente della caserma, che, naturalmente, era frequentato ogni giorno da Trifone Ragone.