Guerrina Piscaglia è sparita dalla sua abitazione di Ca' Raffaello il 1° maggio 2014 ma del suo destino ancora non si sa nulla di certo. Nonostante Padre Graziano, l'unico sospettato per la sua scomparsa, sia ancora in carcere, fino a che non si troverà un corpo o non si saprà dove Guerrina sia finita (se ancora viva), gli interrogativi resteranno tali e i parenti della donna non si daranno pace.

Qualcosa di sorprendente è tuttavia accaduto negli ultimi giorni ed è ancora una volta il settimanale Giallo, esperto in tutti i casi di cronaca nera, ad avere avuto un ruolo di primo piano nella novità sull'intricato caso. L'arrivo di una lettera anonima, infatti, ha lasciato gli inquirenti e gli avvocati delle parti molto perplessi.

Guerrina Piscaglia, le ultime news del 16/07: cosa sa davvero don Silvestro?

Qualche giorno fa la redazione del settimanale Giallo ha ricevuto una lettera anonima che riportava quanto segue: " Se volete sapere la verità sul caso di Guerrina Piscaglia, componete questi tre numeri di telefono ". Assieme alle parole sopracitate, sono dunque stati aggiunti i numeri che i giornalisti hanno subito composto. Ed è a questo punto che è arrivata la sorpresa in quanto dall'altra parte (in tutti tre i casi) della cornetta ha risposto la stessa persona ovvero don Silvestro. Ma la stranezza non finisce qui: il sacerdote contattato telefonicamente è davvero un amico di Padre Graziano come da lui stesso confermato. Ha infatti risposto affermando: "Sono un compaesano, lo conosco anche se non ho nulla da dire".

I migliori video del giorno

Ha poi aggiunto che al momento non può dire nulla perché ci sono degli avvocati che stanno seguendo il caso e che potrà parlare soltanto quando tutto sarà finito.

Dunque dalle parole di don Silvestro possiamo appurare che probabilmente il sacerdote è a conoscenza di qualche notizia importante riguardo alla sparizione di Guerrina. Ha forse lui stesso già parlato con gli inquirenti? Se sì, perché è stata mandata la lettera anonima?

Il caso è ancora aperto e le indagini a Ca' Raffaello continuano.