Non è stato ancora risolto il caso di Guerrina Piscaglia, la cinquantenne di Cà Raffaello della quale non si hanno più notizie dall'1 maggio dello scorso anno. La Procura di Arezzo ritiene che la donna sarebbe stata uccisa da Padre Gratien Alabi, l'ex parroco di Cà Raffaello del quale si sarebbe invaghita Guerrina. Ad inchdiodare il prete africano sarebbero numerosi indizi e l'ultimo è spuntato negli ultimi giorni: si tratta di una telefonata di Gratien a padre Silvano, nella quale l'uomo confessa di avere fatto qualcosa di sbagliato. Le ultime news sul caso si concentrano su una foto inedita che è stata pubblicata dal "Corriere di Arezzo", il quotidiano che si sta occupando da tempo del caso di Guerrina Piscaglia, e sulla testimonianza del cugino di Padre Gratien Alabi, che è stato intervistato nell'ultima puntata della nota trasmissione "Pomeriggio Cinque".

Ecco tutti i dettagli delle ultime indiscrezioni. 

Ultime notizie Guerrina Piscaglia, spunta una foto inedita

Il "Corriere di Arezzo" ha diffuso una foto inedita di Guerrina Piscaglia che ritrae la donna insieme al marito Mirco Alessandrini; l'immagine risale ai mesi che precedono l'incontro di Guerrina con Padre Gratien Alabi. Nella foto la donna abbraccia il marito e appare molto felice; si tratta dunque di una testimonianza che non cambacia affatto con quanto è emerso dalle indagini. La Procura, infatti, ritiene che la donna sia stata in crisi coninugale e che per questo avrebbe provato ad avere una relazione con Padre Gratien Alabi. 

La testimonianza del cugino di Padre Gratien 

Intanto, nell'ultima puntata di "Pomeriggio Cinque" è stato intervistato Gaston, il cugino di Padre Gratien Alabi.

I migliori video del giorno

L'uomo ha detto di ritenere assolutamente innocente l'ex parroco di Cà Raffaello e ha aggiounto che la loro cultura vieta ad un prete di legarsi con una o più donne. Gaston è stato impassibile anche quando Barbara D'Urso gli ha fatto sentire la telefonata nella quale Gratien dice ad un amico di sentirsi in pericolo in Italia e di volere ritornare in Congo. "Non avrebbe mai potuto commettere un delitto così atroce", ha detto Gaston.