Un'importante svolta nelle indagini sull'omicidio di Italia Dell'Aversana, la dipendente dell'Ospedale Moscati di Aversa, uccisa il 6 ottobre scorso, durante uno scippo in via Costantinopoli. Gli inquirenti, attraverso un ininterrotto lavoro, sono giunti ad una prima conclusione, disponendo due fermi. Si tratterebbe degli accusati dell'omicidio della moglie dell'ex assessore del Comune di Aversa, Bruno Lamberti. Oltre all'intercettazione dei due malviventi, è stata trovata l'automobile che avrebbe investito Italia in quella maledetta mattina di inizio ottobre. Tutti gli accertamenti sono ancora in corso ma, nelle prossime ore, potrebbero emergere particolari decisivi per il definitivo arresto dei presunti colpevoli

Lo scippo finito in tragedia

I carabinieri del Comando territoriale di Aversa non hanno smesso un solo istante di cercare chi, otto giorni fa, ha tentato di scippare Italia Dell'Aversana.

La donna, avvicinata da un'automobile in via Costantinopoli, mentre si recava a lavoro, venne strattonata per metri da alcuni malviventi che tentarono di strapparle la borsa. La 58enne, nel tentativo di resistere allo scippo, finì travolta dal veicolo, morendo poco dopo in ospedale. I banditi, infine, scapparono via, facendo perdere le proprie tracce. La città di Aversa, nei giorni successivi all'accaduto, ha organizzato una fiaccolata. Lo scopo è stato quello di mostrare vicinanza alla famiglia di Italia e richiamare l'attenzione sull'ordine pubblico e la sicurezza in città. 

Testimonianze e videosorveglianza

Gli inquirenti, durante questo lungo periodo di indagini, si sono avvalsi delle dichiarazioni dei testimoni e dei filmati del sistema di videosorveglianza delle attività commerciali, presenti in quella zona.

I migliori video del giorno

I dati raccolti hanno fatto in modo che si aprisse uno spiraglio per risalire ai colpevoli. Ad offrire un contributo decisivo, i fotogrammi delle telecamere presenti in via Costantinopoli, che furono immediatamente acquisiti dai carabinieri di Aversa. L'auto dei malviventi è stata ritrovata in un campo rom. Adesso non resta che scoprire i nomi ed i volti dei killer di Italia dell'Aversana.