Mercoledì 4 novembre 2015 potrebbe giungere la tanto attesa sentenza nel corso del processo a Michele Buoninconti, il vigile del fuoco accusato di aver ucciso e poi occultato il corpo senza vita della moglie Elena Ceste. Alla vigilia di questa importante data, l'uomo ha rilasciato una interessante intervista in esclusiva alla trasmissione 'Mattino Cinque', nel corso della quale ha parlato di Elena Ceste, dei presunti tradimenti e dei figli, fino a definirsi del tutto innocente rispetto alle gravi accuse per le quali potrebbe essere condannato a 30 anni di carcere. Ecco quali sono le news che emergono dall'intervista riportata integralmente da 'liberoquotidiano.it'.

Elena Ceste, ultime news: intervista a Michele Buoninconti, dai presunti tradimenti ai figli

Quali news sono emerse dall'intervista in esclusiva a 'Mattino Cinque' con protagonista Michele Buoninconti? Il presunto assassino di Elena Ceste, mercoledì 4 novembre si ritroverà di fronte al giudice in vista della sentenza che potrebbe contemplare la pena di 30 anni di carcere per l'omicidio della moglie. Su questo aspetto Buoninconti appare sereno e sin dall'inizio dell'intervista ha voluto sottolineare la sua innocenza asserendo: 'Non potrò mai essere condannato per un omicidio che non c'è mai stato'. In base alle news sul giallo di Costigliole d'Asti, secondo la Procura, la povera vittima avrebbe vissuto una vita coniugale non felice, soprattutto negli ultimi anni prima del suo omicidio.

I migliori video del giorno

Buoninconti, nel corso dell'intervista si è difeso dalle accuse che lo vedrebbero come un uomo oltremodo possessivo, asserendo di essere totalmente diverso rispetto all'immagine che gli è stata cucita addosso dalla Procura.

L'accento si è poi spostato sui presunti tradimenti, sia di Elena Ceste che dello stesso Michele. Copiose sono state anche in passato le news su questo aspetto che metteva in luce una profonda crisi matrimoniale. Per il presunto assassino della casalinga di Costigliole d'Asti, tuttavia, i chiacchierati tradimenti sarebbero serviti solo nella ricerca forzata di un movente a tutti i costi, sottolineando quindi i rapporti idilliaci con la moglie definita dallo stesso come una 'santa'. In riferimento ai figli, invece, il vigile del fuoco ha confessato di vivere con serenità quella che lui definisce 'ingiustizia' (il riferimento è alla perdita della responsabilità genitoriale). Infine, da uomo di fede qual è, Michele Buoninconti si è definito ancora una volta innocente, anche agli occhi del Signore, rispetto all'omicidio della moglie Elena Ceste.

Se desiderate conoscere ulteriori dettagli sul caso di Costigliole d'Asti o su altri gialli ancora irrisolti ma attualmente al centro dell'attenzione, vi consigliamo di cliccare su 'Segui' in alto a questa news.