Momento di riflessione e di ricomposizione di un puzzle. E intanto, a quattro giorni dall'attentato, venire a conoscenza che l'attacco terroristico era stato comunicato il giorno prima ai servizi segreti non può non suscitare ancora maggiore preoccupazione. Uno stato d'animo che riporta ai libri, alle profezie sulla guerra, tante ne sono state fatte durante i secoli e sono state riportare nei diversi testi letterari. Tra le più conosciute, le profezie di Nostradamus, al secolo Michel de Nostredame, le cui quartine fanno rilevare una certa somiglianza con i fatti di Parigi

Attentato su Parigi, la profezia di Nostradamus

Sono tante le parole, frasi di cordoglio per le vittime e i loro famigliari.

Un attacco che ha comportato la risposta militare della Francia su Raqqua, dichiarando 'La Francia è in guerra, l'UE' ci aiuti'. La terza guerra mondiale? È ciò che nel web ha iniziato a diffondersi, una notizia che fa pensare proprio a una delle più note profezie di Nostradamus (1503-1566), in cui si annuncia che la guerra comincerà in Francia e a seguito si diffonderà in tutta Europa. Così recita una delle parti de Le Profezie, quartine in rima, raccolte in gruppi di cento, nel libro Centuries et prophéties scritto nel 1555 : 'La grande guerra inizierà in Francia e poi tutta l’Europa sarà colpita/ lunga e terribile essa sarà per tutti [...]'. Ma non solo, Nostradamus, intorno al 1550, durante il suo soggiorno ad Agen, una città tra Bordeaux e Toulouse, scrisse il suo primo almanacco, decidendo a seguito di scriverne uno per ogni anno.

I migliori video del giorno

Negli almanacchi erano contenute almeno 6.338 profezie e pare che proprio il successo delle sue predizioni avesse portato molti notabili a richiedergli amuleti e previsioni astrali. È anche vero che si tratta di esempi di chiaroveggenza retroattiva, contenuti generali, che letti a seguito del compimento di un avvenimento possono essere rimandati al fatto accaduto, come nel caso dell'attacco terroristico di Parigi (ma si ricordi anche l'ascesa di Hitler, l'attacco alle Torri Gemelle). Sorta di interpretazione personale? Dal web lo si spera, se si considera anche cosa abbia scritto di Roma: 'Ci saranno tanti cavalli dei cosacchi che berranno nelle fontane di Roma' [...] che sparirà e il fuoco cadrà dal cielo e distruggerà tre città'. E in questo caso, in relazione a una profezia retroattiva, si potrebbe pensare al racconto dei sopravvissuti del Bataclan, prima i colpi come se facessero parte della scenografia, poi le parole pronunciate dai terroristi.

Nostradamus e la fine di Roma

Nostradamus ha sempre affermato di basare le proprie profezie sull'astrologia giudiziaria, ma fu duramente criticato dagli astrologi dell'epoca, considerandolo incompetente in materia.

Gli studi recenti hanno rilevato come il egli stendesse la parafrasi di elementi escatologici derivati dalla Bibbia, integrandoli con fatti storici e testi antologici in cui erano raccontati presagi e predizioni. Si pensi per esempio al finale della città di Roma, con 'l'avvento della terza guerra mondiale': 'Roma perderà la fede e diventerà il seggio dell’Anticristo [...] I demoni dell’aria, con l’Anticristo, faranno dei grandi prodigi sulla terra e nell’aria e gli uomini si pervertiranno sempre di più'. Un destino per la città eterna che non si addice al suo nome, in considerazione anche delle minacce dell'Isis, annoverata come prossimo bersaglio, generando non poche polemiche sull'eventualità della cancellazione del Giubileo. Il Papa però non ha intenzione di fare marcia indietro e il 29 novembre sarà a Bangui, nella Repubblica Centro Africana per l'apertura della Porta Santa. Prepariamoci alle prossime profezie, presenti fino al 3797, considerando anche che alcune predizioni non si sono avverate. Se desideri restare aggiornato sui fatti dell'attentato di Parigi, sulla risoluzione del G20, e sulle alleanze tra i diversi Stati, Francia-Usa-Russia, clicca su 'segui' e/o vota la news cliccando sulle 5 stelle in alto alla tua destra.