Calabria,siamo nella Locride, è qui che il torrente Ferruzzano ha esondato ed ha portato via la strada statale 106 Ionica. Sul posto sono accorsi i Vigili del Fuoco, i quali hanno incontrato non poche difficoltà nel raggiungere il luogo del nubifragio viste le interruzioni causate proprio dal violento maltempo, dalle frane e anche dagli smottamenti che ancora adesso si trovano lungo il tragitto. Oltre alla strada statale anche le linee ferroviarie hanno subito diversi danni, il tutto a portato rallentamenti anche sui binari.

I treni in viaggio, infatti, sono stati bloccati in diverse stazioni della zona: Roccella Ionica, Locri e Brancaleone.

Purtroppo si registra una vittima

Il corpo ritrovato corrisponde ad un uomo Salvatore Comandè, residente a Taurianova, nel Reggitano. Secondo la ricostruzione degli inquirenti l'uomo sarebbe stato trascinato da un torrente che si era ingrossato particolarmente. I Vigili del Fuoco hanno ritrovato il corpo senza vita lungo l'argine del torrente San Nicola, non molto lontano dal luogo in cui l'uomo è stato investito dal torrente in piena.

È ancora allarme su tutta la Calabria

Da quanto si legge dal bollettino del Centro funzionale multirischi dell'Arpacal si capisce molto chiaramente che la situazione non è ancora tranquilla, anzi, potrebbe addirittura peggiorare nelle prossime ore. L'Arpacal infatti ha reso noto che il bollettino è valido dalle 16:00 di Domenica 1 Novembre fino alle 24 ore successive (le 16:00 di Lunedì 2 Novembre).

Secondo lo stesso bollettino il rischio idrogeologico è Arancione per lo Ionio settentrionale, per lo Ionio meridionale invece la stessa Agenzia pone un'allerta di livello Rosso. Nello specifico si sono registrate forti mareggiate che si sono riversate sulla costa catanzarese, sul versante ionico; e nel reggino si registrano forti danni provocati dagli oltre seicento millimetri di pioggia abbattutisi in questa parte della Calabria in meno di 48 ore.I consigli degli esperti sono quelli di non uscire di casa nel caso non sia proprio necessario, e comunque utilizzare in ogni caso la massima prudenza.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto