Annuncio
Annuncio

In Cina la carne di cane è un piatto tradizionale: secondo alcune superstizioni aumenta la fertilità maschile e allontana gli spiriti maligni. Ogni anno vengono macellati circa 18 milioni  di randagi che finiscono nelle cucine cinesi, specie durante il periodo del festival di Yulin. Ogni tanto, però, ci sono storie che hanno un lieto fine.

Una scoperta agghiacciante

Wang Yan, 29 anni, proprietario di una azienda metalmeccanica siderurgica, finisce per spendere tutti i suoi averi per amore dei cani. Per capire la vicenda dobbiamo fare un passo indietro.

Nel 2012, Yan smarrisce il suo cucciolo di cane e impiega tutte le sue energie e risorse per ritrovarlo. Purtroppo, però, senza esito positivo. Un giorno, alcune persone a lui vicino gli consigliano di controllare nei mattatoi di cani della città, ChangChun, per avere certezza che non l'avessero catturato e ucciso.

Advertisement

Yan, con immenso rammarico, non trova il suo adorato cagnolino ma scopre l'orrore delle macellerie cinesi. Cani maltrattati e presi a bastonate, trascinati a terra per poi essere sgozzati, mentre i pochi ancora in vita vengono lasciati morire dissanguati.

L'amore per i cani cambia la sua vita

Yan rimane molto turbato dalla visione di quelle atrocità e prende una decisione: avrebbe salvato tutti i cani randagi che sarebbe riuscito a trovare, ed è stato di parola. Appurato il fatto che la sua abitazione non poteva ospitare un gran numero di randagi, Yan licenzia tutti i suoi operai, vende tutti i macchinari e utilizza la sua fabbrica ormai vuota e capiente per ospitare più randagi possibili. Quella che ormai era la sua azienda, viene trasformata in un rifugio per cani da adottare, la "ChangChun Animal Rescue Base".

Advertisement
I migliori video del giorno

Dalla nascita della struttura, Wang Yan è riuscito a salvare oltre duemila animali, destinati al macello e alla vendita nel mercato. Ciò che lega Yan agli animali a quattro zampe lo porta, però, ad indebitarsi fino al collo: spende tutto per comprare crocchette, medicinali e vaccinazioni. Ma Yan non se ne preoccupa: il suo unico pensiero è quello di salvare altri cani e tenerli con sè al sicuro.