Obama, prima della fine del suo mandato presidenziale, renderà pubblico tutto il materiale sugli alieni archiviato dalla Casa Bianca. A rivelarlo, attirando l'attenzione dei media di tutto il mondo, è Stephen Bassett, direttore esecutivo del Paradigm Research Group (PRG), un magnate americano che da molti anni si batte affinché il Pentagono dica la verità sugli X-Files. Basset si dice sicuro dell'esistenza della vita fuori dalla Terra, e sostiene che presto Obama lo annuncerà al mondo, rendendo pubblici dei documenti attualmente secretati.

Pubblicità

L'annuncio al "Daily Express"

Il direttore del PRG ha affidato l'indiscrezione al "Daily Express", spingendosi a sostenere che Obama riceverà il Premio Nobel per le sue rivelazioni, e che sarà seguito dal primo ministro inglese David Cameron. Il magnate americano sostiene che sarà Obama il "Presidente della rivelazione", e si tratterà della più grande e significativa notizia della storia.

Le promesse della Clinton

Il tema alieni è entrato a far parte della campagna elettorale per le presidenziali americane, per bocca della candidata democratica Hillary Clinton, che a più riprese ha promesso che se sarà eletta, avrebbe rivelato la verità sugli UFO.

Senza sbilanciarsi in valutazioni personali, la candidata si è detta disposta a rendere nota la verità, qualsiasi essa sia. Questo, secondo il magnate americano, avrebbe messo sotto pressione il presidente in carica Obama.

Il fuorionda dell'ex primo ministro russo Dmitry Medvedev 

Pochi mesi dopo la sua elezione a primo ministro russo, nel 2012, Dmitry Medvedev, durante un clamoroso fuori onda, dichiarò che "gli alieni sono tra noi", ma che la notizia non poteva essere resa nota al mondo perché "scatenerebbe il panico".

Pubblicità
I migliori video del giorno

Medvedev aggiunse che “insieme alla valigetta con i codici di lancio delle testate nucleari al capo del Cremlino, viene consegnato anche un fascicolo top secret". Il primo ministro russo, in carica dal 2012, in precedenza aveva ricoperto, a partire dal 2008, la carica di presidente della Federazione Russa, pertanto era sicuramente nelle condizioni di conoscere le eventuali procedure e la verità sugli x-files.