Oggi venerdì 30 settembre 2016 si svolgerà, in tutte le stazioni ferroviarie della fascia ionica calabrese, una manifestazione pacifica che durerà dalle ore 8 alle ore 20 per chiedere l'adeguamento della ferrovia locale al resto della rete ferroviaria nazionale.

I pendolari, i cittadini comuni, lavoratori e studenti, per rivendicare il loro diritto ad avere una mobilità efficiente, sancito anche dall'Unione Europea sulla libera circolazione del lavoratori comunitari, prenderanno "pacificamente" d'assalto i treni lungo le tratte da Reggio Calabria a Melito, Bovalino-Melito, Brancaleone Roccella, Monasterace-Locri, Monasterace-Botricello e, ancora, Crotone-Catanzaro Lido, Corigliano-Mandatoriccio, Cirò-Sibari, Trebisacce-Cariati e Melito-Bovalino.

Ogni stazione avrà il suo presidio di "utenza d'assalto" ai treni. 

Ad organizzare la manifestazione è il CIUFER (Comitato Italiano Utenti Ferrovie Regionali), presieduto dal prof. Domenico Gattuso, insieme alla FIBC-Rete della Associazioni per la Ferrovia Ionica Bene Comune e a numerose associazioni culturali, di volontariato e di comitati di pendolari e non solo. Ad essa hanno aderito numerosi sindaci della costa ionica: anche loro, muniti di fascia tricolore (ed eventualmente accompagnati da alcuni consiglieri comunali) saliranno sui convogli ferroviari per dare il proprio sostegno: inoltre, è previsto che chi non potesse prendere il treno per via del sovraffollamento dei vagoni, dovrà restare nella propria stazione di partenza e partecipare ai sit-in di protesta che vi avranno luogo. 

Un accorato invito alla partecipazione viene dal pendolare di Rossano Euristeo Ceraolo, delegato del CIUFER, che da anni si è battuto per il ripristino dell'Intercity Milano-Crotone, soppresso tra il 2011 e il 2012, ma senza nessun risultato.

I migliori video del giorno

Obiettivi della protesta che si terrà oggi sono le stesse: ottenere servizi migliori, un trasporto adeguato agli standard europei e il ripristino dei treni che sono stati soppressi. Un sostegno all'iniziativa proverrà anche dal cantautore roberto vecchioni e dall'inviato delle "Iene" Andrea Agresti.