Il 28 Ottobre a Roberto Benigni, recentemente esposto all'assalto mediatico per la presa di posizione sul Referendum Costituzionale, è stata ritirata la patente per sorpasso contromano. Tutto questo è successo a Roma, città molto amata dal regista ed attore internazionale,

Il sorpasso

Il titolo riporta al famoso film di Dino Risi, ma al volante non c'è Vittorio Gassman bensì il comico Roberto Benigni. Abbandonato il sorriso facile da un po' ed impegnato nel racconto della Divina Commedia come della Costituzione passando per i 10 Comandamenti, Benigni si è fatto cogliere in flagrante. L'attore si trovava davanti alla Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Roma quando avrebbe sorpassato una corsia intera di auto incolonnate allargandosi sulla corsia laterale dove il senso di marcia era opposto.

Subito è stato fermato dalla Polizia Municipale che ha deciso di fermare la macchina e ritirare la patente al conducente. La sospensione ha un periodo che può variare da uno a tre mesi.

Benigni chiamato "buffone"

Roberto Benigni è stato ripetutamente citato nei social in questo periodo, soprattutto è stato accostato alla parola Buffone dagli utenti del web. Questo è accaduto per la sua presa di posizione riguardo al referendum costituzionale esprimendosi a favore del "si" ( suscitando l'ira e la derisione di quanti avevano apprezzato la sua celebrazione della "più bella del mondo" in prima serata Rai 1) e ultimamente per aver preso parte alla cena alla Casa Bianca insieme al Presidente del Consiglio Renzi, Bebe Vio, Giorgio Armani e molte eccellenze femminili italiane. La sospensione della patente è quindi entrata di diritto nel pentolone di chiacchiere che ora stanno avvolgendo il famosissimo regista ed attore italiano sebbene siano molti i suoi fan pronti a difenderlo a spada tratta.

I migliori video del giorno

I prossimi progetti 

Roberto Benigni è stato recentemente ospite alla Festa del Cinema di Roma, conclusasi appena una settimana fa. Durante un'intervista ha rivelato che ha una voglia incredibile di tornare al cinema e di fare un film che parli dell'allegria sfrenata. La stessa con cui sembra vivere la sua vita. Sarà, quindi, un periodo di attesa quello che spetta agli amanti del comico fiorentino, abituati da sempre a grandi performance e film. Da una persona del suo calibro non ci si può aspettare niente di meno.