Piazza del Carmine e via Sassari come un grande ring a cielo aperto. A Cagliari ieri notte, martedì, intorno alle 22 e 20 è scoppiato il finimondo in una violenta rissa nata tra sardi e cittadini stranieri. In manette sono finiti Maurizio Chessa, 48 anni, cagliaritano, Debora Serra (42), anche lei di Cagliari, e IBou Sakaren, 25 anni, originario del Gambia. Tutti e tre sono arrestati per rissa aggravata anche se alla “sfida” hanno partecipato almeno una decina di persone, italiane e straniere che son rimaste ferite non in maniera grave. Chessa è stato anche denunciato per “inottemperanza agli obblighi della sorveglianza speciale e per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere”, si legge nel verbale della Polizia intervenuta sul posto.

Sangue e feriti

I feriti sono stati medicati dai volontari del 118 che sono intervenuti in piazza del Carmine dopo la telefonata di soccorso. Chi ha avuto la peggio sarebbe un cittadino originario dell’Africa che si sarebbe beccato diverse coltellate. Il giovane è stato comunque medicato ma non è voluto rimanere sotto osservazione. All’episodio hanno assistito tantissimi curiosi e la rissa avrebbe avuto origine per la presenza dei migranti in piazza del Carmine, che non sarebbe gradita ai senza tetto locali.

Una zuffa degenerata

C’è voluta molta fatica ieri notte per riportare la tranquillità tra piazza Matteotti, via Sassari e piazza del Carmine. Circa venti minuti dopo le 22, infatti, una pattuglia della Polizia è intervenuta in piazza del Carmine perché era stato segnalato un alterco tra due persone, un migrante ed un cagliaritano.

I migliori video del giorno

Come spesso purtroppo capita, dalle minacce si è passati ai fatti e sarebbe spuntata un’arma, probabilmente un coltello, che ha colpito e ferito il cittadino straniero al petto prima che intervenissero gli agenti.

Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Un gruppo di cittadini stranieri, infatti, si è immediatamente lanciato all’inseguimento dell’aggressore e nella rissa sarebbero state coinvolte almeno una quindicina di persone andate in soccorso del cagliaritano. I tafferugli sono proseguiti in via Sassari, in piazza Matteotti, fino a quando non è stato necessario l’intervento di altre pattuglie della Polizia. Per più di un’ora la tensione in tutta quella zona è stata molto alta. Nonostante l’intervento delle Forze dell'ordine, la situazione era molto tesa. Per fortuna, dopo diverso tempo, la situazione è tornata alla normalità.