2

Andava troppo veloce per quella strada. 115 km/h per Corso Settembrini, torino, sono decisamente troppi. L'autovelox lo aveva beccato e gli agenti della polizia municipale erano pronti a multarlo. Lui torna indietro, si ferma a parlare ma non ascolta ragioni. La furia si trasforma in pura pazzia. Spinge sul gas e prova a investire i quattro uomini in divisa. La tragedia non c'è stata grazie alla prontezza dei vigili della strada, abili a immobilizzare il pericoloso guidatore. Ora l'uomo rischia l'arresto.

Multato per eccesso di velocità: prova a investire i vigili

L'uomo sfrecciava cona la sua Multipla a 115 km/h lungo la strada che porta, tra l'altro, allo stabilimento di Mirafiori a Torino.

L'autovelox, ovviamente, è scattato per evidente eccesso di velocità. La polizia stava facendo un controllo proprio mentre il guidatore 'volava' per Corso Settembrini. L'uomo ha notato all'ultimo secondo la presenza dei quattro vigili, facendo retromarcia per fermarsi a parlare con uno di loro. La sentenza dell'agente è stata inesorabile: multa salata. E' a questo punto che il guidatore ha iniziato a protestare con veemenza, infuriandosi con l'uomo in divisa e i suoi colleghi e provando a investirli con la sua automobile.

Scoppia la colluttazione: ora rischia l'arresto

Le dinamiche non sono molto chiare, ma secondo le ultime ricostruzioni la polizia sarebbe riuscito a fermarlo dopo  lo scoppio di una violenta colluttazione, immobilizzandolo. L'autista molesto, successivamente, è stato condotto al comando di Polizia di via Bologna.

I migliori video del giorno

Ora il suo futuro è appeso alla decisione del magistrato. Per lui il rischio dell'arresto è molto elevato, visto il gravissimo comportamento avuto nei confronti degli agenti della strada. La contestazione delle multe si può fare, ma non con queste inaudite modalità. Per fortuna la tragedia è stata soltanto sfiorata, ma purtroppo i quattro poliziotti coinvolti nell'incidente sono stati mandati al pronto soccorso del Mauriziano per essere sottoposti a dei controlli medici. Rischiare di perdere la vita per le multe è folle. Quel che è certo è che a Torino non sfreccerà per molto tempo il pericoloso 'uomo della Multipla'.