Un milione di euro di risarcimento danni. E' la richiesta avanzata a Mediaset dalla “Alessio Sundas Model Management Umbrella Girls Ufficiale” per una vicenda legata ad un servizio televisivo del programma “Le Iene”.

Trasmissione che, secondo l'agenzia, avrebbe pesantemente danneggiato l'immagine dell’azienda che fatturava centinaia di migliaia di euro nel campo della moda e della pubblicità. La faccenda è precipitata quando la “Alessio Sundas Model Management Umbrella Girls Ufficiale”, dopo aver vinto numerose cause in tribunale, ha chiesto un servizio di rettifica al programma “Le Iene” di Mediaset.

Ottenendo però un rifiuto.

A quel punto è partita la richiesta di risarcimento milionario per un presunto danno di immagine.

“Questa brutta storia – racconta il manager televisivo Alessio Sundas – ebbe inizio a maggio di 5 anni fa quando il programma Le Iene mi definì un truffatore ed un delinquente, accusandomi di prendere denaro dalle Umbrella Girls, promettendo posti di lavoro inesistenti. Debbo premettere che la mia agenzia ha inventato nel 1989 le cosiddette Ragazze Ombrello, ovvero le hostess che vediamo accanto ai piloti nella griglia di partenza prima dello starter e poi sul podio durante la premiazione. Il nostro lavoro consisteva nel vendere questo spazio alle modelle che avevano l’opportunità di farsi notare a livello internazionale accanto a piloti di formula uno e del motomondiale. Negli anni abbiamo dato lavoro ad oltre 3.000 persone, affiancando sponsor di caratura internazionale.

I migliori video del giorno

Nel 2011 è iniziato l’incubo, il programma Le Iene ha contattato le ragazze che avevano aderito al progetto Umbrella Girls, invitandole a denunciare il sottoscritto e l’agenzia per truffa”.

All'epoca le cronache raccontarono minuziosamente la vienda, sui social nacque perfino il gruppo ''Fermiamo Alessio Sundas'', al manager arrivarono 94 tra denunce e querele. Alessio Sudas è stato rinviato a giudizio 9 volte ed è sempre assolto con formula piena perché il fatto non sussisteva.

Le conseguenze però sono state devastanti, l'agenzia è arrivata sull’orlo del fallimento. Dopo tutte le assoluzioni, gli avvocati del manager avvocati hanno chiesto a Mediaset di trasmettere un servizio in cui smentivano tutte le accuse. Mediaset non ha mai risposto, è così partita una causa legale, il danno è stato quantificato dagli esperti in un milione di euro. Lo scorso 5 dicembre al tribunale di Milano era fissata l’udienza per un tentativo di conciliazione, ma i legali di Mediaset non si sono presentati davanti al giudice.