Un nuovo attacco terroristico ha colpito la Francia. Questa volta, come riportato in un articolo pubblicato sul sito web dell'Huffington Post, ad essere colpito è stato un supermarket di Trebes, un paese situato nella parte meridionale della nazione europea. Il terrorista ha preso in ostaggio diversi individui e, stando alle cronache nazionali ed internazionali, almeno tre persone sono state uccise.

Il terrorista è un marocchino radicalizzato e già noto ai servizi segreti

A quanto pare, lo Stato Islamico sarebbe il mandante del nuovo attentato terroristico che ha interessato la Francia.

Andando maggiormente nello specifico, lo stesso terrorista islamista è un trentenne marocchino di Carcassone che era già noto ai servizi segreti per il suo essere radicalizzato. Stando a quanto riportato sul sito web di Rai News, il terrorista marocchino è stato identificato grazie alla targa di immatricolazione della sua automobile.

L'estremista marocchino: 'Liberate Salah Abdeslam'

Stando a quanto sostenuto nel già citato articolo pubblicato sul sito di Rai News, il terrorista è piombato nel supermercato urlando 'Allah Akbar' e ha sostenuto di essere un miliziano dell'autoproclamato Stato Islamico.

Inoltre, il miliziano di origine marocchina ha chiesto la liberazione di Salah Abdeslam, un altro noto terrorista islamico di origine marocchina che fu coinvolto nei tragici attacchi di Parigi del 13 novembre 2015. Tale particolare non deve essere sottovalutato e sarebbero da indagare eventuali legami tra Abdeslam e lo stesso protagonista del recente attacco di Trebes, che molto probabilmente risulterebbe 'ben integrato' nell'oscuro network del jihadismo internazionale presente in Francia e in tutta Europa.

Inoltre, un altro particolare che merita di essere sottolineato è il fatto che la radicalizzazione islamista del trentenne marocchino era già nota ai servizi e ciò la dice lunga sulle contraddizioni delle strategie di prevenzione del terrorismo islamico fatte dall'intelligence e dal governo francese. Il fatto è che la stessa Francia risulta essere da tempo uno dei più forti bersagli del terrorismo di matrice islamista e sarebbe ora che vi sia un radicale cambiamento di prospettiva nell'ambito della lotta allo stesso terrorismo, un cambiamento di prospettiva che vada al di là di certo "buonismo" imperante e nel superamento della politica estera aggressiva fatta dai recenti governi francesi.

Segui la nostra pagina Facebook!