2

Un 52enne di Foggia è stato arrestato a Ischia per aver alterato il proprio documento di identità, sostituendo la fotografia originale con un “selfie”: non immaginava di commettere un illecito ma ora deve rispondere all’accusa di possesso di documento di identificazione falso, un reato che prevede fino a cinque anni di reclusione.

Un selfie con tanto di panorama al posto della foto originale

La polizia è stata allertata dal receptionist dell’hotel dove alloggiava l’uomo: la carta di identità presentata al momento della registrazione sembrava in regola tranne che per un particolare curioso, la fotografia. L’immagine non era affatto quella abituale per i documenti di identità: è stata scattata in esterni, con tanto di panorama sullo sfondo.

Da qui la decisione di contattare il 112 e segnalare il fatto alle forze dell’ordine che si sono recate presso l’albergo per le necessarie verifiche.

'La foto non mi piaceva più, così l’ho cambiata'

Agli agenti, una volta arrivati presso la struttura alberghiera ischitana [VIDEO], è risultato subito evidente che la fotografia del documento era stata cambiata e di conseguenza hanno contattato l’uomo, fermandolo proprio mentre stava rientrando in camera dopo aver trascorso il pomeriggio in piscina. E alla richiesta di spiegazioni, ha candidamente ammesso di aver fatto lui la sostituzione: “La foto originale non mi piaceva più, era vecchia di cinque anni, così l’ho sostituita con una migliore e più recente, uno dei miei selfie”.

Il 52enne è letteralmente caduto dalle nuvole quando gli è stato spiegato che una simile azione costituisce un illecito ma la sua sorpresa si è trasformata in profonda preoccupazione quando gli agenti lo hanno tratto in arresto con l’accusa di possesso di documento di identificazione falso, un reato per il quale il codice penale italiano prevede da due a cinque anni di carcere.

La carta di identità elettronica non consente la sostituzione della foto

Un’incredibile ingenuità che, dopo aver rovinato le vacanze [VIDEO] della persona coinvolta, rischia ora di avere ripercussioni ancora più gravi sulla sua vita personale.

La sostituzione dell'immagine è stata relativamente facile, perché nelle carte d'identità cartacee le fotografie sono attaccate al cartoncino con un apposito nastro biadesivo e "validate" con l'apposizione di un timbro a secco. Con la progressiva introduzione della carta identità elettronica, dove la foto è stampata direttamente sul documento, ingenuità come quella commessa dal 52enne foggiano sono destinate a scomparire.