Autunno, tempo di brutte sorprese e di odiosi rincari, come in terra così in cielo. La ryanair ha annunciato una novità che spiace ai viaggiatori e a chi contava sulle caratteristiche dei voli low cost della nota compagnia irlandese. Dal primo novembre subentrano nuove regole: anche su voli già prenotati, il bagaglio a mano da portare in cabina non sarà più gratuito [VIDEO], ma diventerà una voce di spesa 'extra'.

Unica eccezione ammessa, solo piccole borse e zaini di dimensioni altrettanto contenute. Tra i clienti amareggiati, c'è chi contesta la nuova politica aziendale a botte di ironia social, mentre il Codacons annuncia di essere già pronto a denunciare la compagnia all'Antitrust.

Ryanair, nuova politica sui bagagli a mano

Finora era stata una caratteristica distintiva, il 'fiore all'occhiello' della compagnia irlandese tra tanti vettori nel mercato dei voli: consentire ai passeggeri di portare in cabina il bagaglio a mano gratis. Dal primo novembre le regole della compagnia cambiano nuovamente, dopo un primo giro di vite lo scorso 15 gennaio: ogni passeggero potrà portare con sé solo un piccolo zaino o una borsa di dimensioni molto ridotte (40x20x25 cm) da posizionare sotto il sedile.

Per portare con sé un secondo oggetto, ovvero valigie comunque sempre al di sotto dei dieci chili, i viaggiatori dovranno pagare un supplemento. Potranno scegliere tra due possibilità: o sborsare una cifra compresa tra gli otto e i 10 euro a tratta per mettere il bagaglio nella stiva, oppure acquistare l'imbarco prioritario al costo di sei euro.

La società difende la sua nuova politica tariffaria [VIDEO] sostenendo che è stata costretta a questa scelta per ridurre i tempi altrimenti troppo lunghi della permanenza in aeroporto e del check in, tagliare i ritardi, e che non trarrà alcun vantaggio economico da questo cambiamento. Il responsabile del marketing, Kenny Jacobs, in una nota ufficiale ha annunciato che le nuove regole non riguardano il 60% della clientela, mentre la restante potrà scegliere tra le due opzioni.

La compagnia aveva già cambiato le regole sul bagaglio a mano ad inizio d'anno quando ai passeggeri era consentito di portare con sé solo una piccola borsa, ma era previsto il trasporto di altri bagagli a mano a costo zero nella stiva. Cosa che ora non è più possibile.

Addio bagaglio a mano, esplode l'ironia social

Ironie e critiche si scatenano sui social. Via Twitter gli utenti si sbizzarriscono con ipotesi inverosimili ma che amplificano lo 'sfottò'. Un utente scrive: "Ryanair dice addio al bagaglio a mano gratis e se vuoi che ti diano il benvenuto quando sali a bordo, sono cinque euro".

La battuta fulminante che circola in queste ore sui social è: "no alla legge bagaglio". L'utente 'Genio 78' ha scritto: "Se siamo tutti d'accordo, al posto del bagaglio a mano, farei pagare l'applauso all'atterraggio". C'è pure chi ha postato la foto del nuovo viaggiatore modello Ryanair, gravato dalle nuove regole: praticamente un essere umano non riconoscibile, dal momento che non potendo portare più niente in cabina si è messo tutto addosso e somiglia a un attaccapanni gremito.

L'ironia declinata al femminile avvisa Rynair delle abilità delle donne che forse sfuggono ai manager della compagnia irlandese. Una pochette, visto che solo questa si può portare in cabina, può infatti contenere un maglionicino, un abito per la sera e le scarpe col tacco, una piastra per capelli, la farmacia con tutto il farmacista, l'intero cambio del bambino. Meno in vena di battute il Codacons, l'associazione di consumatori, annuncia di rivolgersi all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.