L'Australia nelle ultime ore si è vista attaccata da sabotatori sconosciuti. All'interno di alcuni supermercati sono infatti state vendute fragole con aghi sottilissimi all'interno. Secondo quanto rivelato dalla Bbc sono stati registrati casi in almeno sei Stati diversi. Il Ministro della Salute, il signor Greg Hunt, ha confermato che si tratta di un 'crimine feroce', attributo comunque più soft rispetto a quello fornito dalla autorità che hanno etichettato l'accaduto con il termine di 'terrorismo alimentare'.

Sconosciuta però l'entità del colpevole anche se si pensa che i sabotaggi possano essere opera di più persone, un gruppo di sabotatori che ha come obiettivo quello di spaventare i consumatori costringendoli praticamente a non acquistare più il frutto, creando cosi anche un crollo nei bilanci di chi vende il bene.

L'Australia in preda al panico

La paura in Australia è iniziata circa una settimana fa, con il ricovero di Hoani Hearne, un giovane che ha chiesto l'aiuto dei medici per dei dolori atroci accusati dopo aver mangiato una porzione di frutta fresca comprata poco prima in un supermercato: i prodotti in oggetto venivano da una fattoria del Queensland. Dopo aver controllato per bene le fragole ci si è accorti che all'interno c'erano cuciti degli aghi.

In un primo momento il ritrovamento del corpo estraneo nel frutto è stato attribuito ad una sorta di vendetta da parte di un ex dipendente, ma l'ipotesi è stata completamente soppiantata quando sono stati registrati altri casi simili in zone distanti fra loro, come ad esempio la Tasmania o il New South Wales.

Dopo essersi accertati dei singoli casi è stata compilata una lista di aziende coinvolte nel sabotaggio, ovvero:

  • Love Berry
  • Berry Licious
  • Delightful Strawberries
  • Donnybrook Berries
  • Oasis
  • Berry Obsession

Una volta diramato l'elenco dei 6 brand coinvolti è scattato il panico fra gli abitanti dell'Australia oltre allo stupore di chi vende i prodotti di queste aziende, in primis le catene Coles e Aldi. La decisione dei due supermercati è stata quella di ritirare immediatamente dal mercato i lotti di fragole.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Corretta Alimentazione

Come se non bastasse, la Coles ha dotato i propri supermercati di uno speciale metal detector con lo scopo di individuare eventuali corpi estrani nella frutta.

Taglia sui colpevoli del sabotaggio

La vicenda però non si conclude però con i provvedimenti da parte dei supermercati in questione: sull'accaduto è infatti anche intervenuta la Food Safety Authority of Australia and New Zealand che ha aperto un'inchiesta.

L'accaduto è stato etichettato come 'atto di terrorismo alimentare' questo perché il sabotaggio potrebbe mettere in pericolo la vita di migliaia di giovani famiglie dell'Australia, che consumeranno il bene sabotato. Per tale ragione le autorità hanno disposto una taglia sui colpevoli del sabotaggio: chi li consegnerà alla polizia guadagnerà circa 60 mila euro, ovvero 100.000 dollari australiani.

La preoccupazione è estesa inoltra anche all'economia locale, messa praticamente in ginocchio.

Il portavoce della Strawberries Australia Inc Queensland ha comunicato che andranno praticamente buttate circa 800mila casse di fragole al giorno, ovvero la produzione attuale. L'invito da parte di Ray Danlies è quello di continuare a consumare frutta fresca ma di controllarla prima di ingerirla. Ovviamente, chi dovesse trovare gli ahi nelle fragole è invitato a portare il frutto alla polizia australiana.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto