Un nuovo caso di femminicidio nella provincia di Bergamo. La vittima questa volta è una giovane donna, Marisa Sartori, che è stata brutalmente colpita al cuore con una coltellata. La tragica vicenda si è verificata la scorsa notte in provincia di Bergamo. La donna 25enne, parrucchiera di Curno, è stata accoltellata dall’ex marito, il 35enne Arjoun Ezzedine. Nella colluttazione è rimasta gravemente ferita anche la sorella di Marisa, nel tentativo di proteggerla dalla ferocia dell'uomo.

L’omicidio

L’uomo, di origini tunisine, ha atteso la donna nascondendosi nel garage della casa di famiglia per poi sorprenderla e infliggerle un’unica coltellata al cuore, che le è risultata fatale; l'uomo ha poi ferito gravemente anche la sorella della vittima che ha provato a difendere Marisa.

L'omicidio è avvenuto nella serata del 2 febbraio nel complesso residenziale di via IV Novembre, al civico 23. Sul posto sono prontamente intervenuti i carabinieri di Curno e il reparto operativo di Bergamo che hanno proceduto immediatamente all’arresto. Le accuse alle quali dovrà rispondere davanti ai magistrati sono di omicidio e tentato omicidio.

Le prime indagini

Dalle prime indagini effettuate delle forze dell’ordine sembrerebbe che i motivi che hanno portato Arjoun Ezzedine a uccidere l’ex moglie siano di natura passionale. Infatti, da quanto sinora raccolto, emerge che Marisa sarebbe stata già costretta a difendersi dal 35enne in passato, visto che l'uomo non accettava la fine della loro relazione.

La donna aveva già denunciato l'uomo a causa delle minacce e dei frequenti appostamenti che l’ex marito faceva sia sotto casa che fuori dal lavoro della donna.

Sul posto sono intervenuti i soccorsi del 118 che hanno tentanto invano di rianimare la 25enne mentre la sorella, rimasta gravemente ferita, è stata trasportata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Deborah è stata subito operata ma al momento i medici non hanno ancora sciolto la prognosi: infatti, a seguito delle coltellate inflitte dall’ex marito di Marisa, la donna ha riportato gravi lesioni agli organi interni.

Il secondo femminicidio a Bergamo

Si tratta del secondo caso di femminicidio a Bergamo in pochi giorni: infatti, un episodio analogo si è verificato giovedì 17 gennaio in un box di Gorlago, in cui Stefania Crotti è stata brutalmente uccisa con dei violenti colpi di martello da Chiara Alessandri, 43enne ex amante del marito di Stefania che è ora detenuta nel carcere di Bergamo.