Nel corso della puntata mattutina di "Chi l'ha visto?" di ieri, 13 maggio, il conduttore Francesco Paolo Del Re si è occupato del caso di Sebastiana Mangano di Mascalucia (Catania). L'inviata Annalisa Venditti ha avuto modo di intervistare la donna nella splendida cornice della chiesa madre della città.

Pubblicità
Pubblicità

Sebastiana, ai microfoni di "Chi l'ha visto?", ha dichiarato: "Qui il 31 luglio 1983 è stato battezzato il mio bambino, Giuseppe, che il giorno dopo è deceduto. Io non ho fotografie del mio bambino e cerco qualcuno che è stato battezzato lo stesso giorno e che possa fornirmi una foto dove, spero, ci possa essere anche io e il mio bambino. È solo l'appello di una mamma che desidera avere una foto da mettere sulla tomba del proprio bambino. Nient'altro. Ringrazio tutti coloro che vorranno aiutarmi in questa mia ricerca ed esaudire questo mio grande desiderio che ho".

'Chi l'ha visto?', il caso di Sebastiana Mangano.
'Chi l'ha visto?', il caso di Sebastiana Mangano.

'Chi l'ha visto?': Giuseppe, un'anima volata in cielo troppo presto

Annalisa Venditti ha proseguito la sua intervista a Sebastiana Mangano, madre del piccolo Giuseppe Modica, morto il giorno dopo il suo battesimo. L'inviata di "Chi l'ha visto?" ha chiesto alla donna come mai il bimbo non stesse bene, questa la risposta della signora Mangano: "Il bambino aveva dei problemi, era nato con dei problemi purtroppo, che sono andati man mano aumentando.

Pubblicità

Io l'ho battezzato perché ho capito che la situazione stesse peggiorando. Volevo metterlo in Grazia di Dio almeno. Il bambino era nato il 16 maggio 1983 e quando è nato mi è stato tolto perché aveva i suoi problemi, aveva i suoi problemi: aveva la palatoschisi, piedi torti e problemi alle mani".

Sebastiana ha proseguito la triste storia del piccolo Giuseppe: "È stato portato subito al policlinico di Catania, dove è rimasto 27 giorni. Io ho conosciuto il mio bambino attraverso i vetri.

Non sapevo qual era. È stato dimesso, l'ho portato a Messina, a Ganzirri, per cercare di sistemare questi problemi. L'hanno ingessato, gli è venuta l'ernia strozzata, l'hanno dovuto operare il 16 luglio, giorno della Madonna del Carmine. È stato operato in ospedale a Catania. Si è molto debilitato, è vissuto altri 15 giorni, il giorno 1 di agosto è volato in cielo. È un angelo in cielo il mio bambino".

La ricerca della foto

Annalisa Venditti ha in seguito chiesto a Sebastiana Mangano se la foto di Giuseppe la cerchi da sempre, la risposta è stata la seguente: "Diciamo che forse nell'inconscio ho avuto sempre quel desiderio di rivedere il viso del mio bambino, anche di farglielo conoscere agli altri miei due figli, che non conoscono il loro fratello.

Pubblicità

Non sanno che viso avesse il loro fratello. Quando ho avuto l'influenza, ho avuto la febbre alta e ho sognato i miei genitori deceduti e sul mio seno c'era il mio bambino che non aveva volto. Allora da quella notte è scattato un desiderio maggiore...".

Leggi tutto