Una ragazzina di appena 12 anni, nei giorni scorsi, mentre trascorreva un tranquillo pomeriggio presso un noto parco giochi della città, è stata aggredita brutalmente da un aggressore ancora non identificato. Secondo quanto riferito da alcune fonti locali, la bambina sarebbe stata prima strangolata e successivamente brutalmente picchiata. La ragazzina al termine dell’aggressione ha riportato una frattura con lacerazione del setto nasale e diverse lesioni gravi a mandibola denti ed altre zone del viso.

L’aggressore, secondo quanto dichiarato dagli inquirenti che stanno svolgendo tutte le indagini riguardanti il caso, si sarebbe dileguato dopo aver udito le urla dei nonni della vittima che dopo essersi accorti del suo allontanamento, spaventati, avrebbero iniziato a cercarla.

Aggressione al parco, avviate le indagini

Durante il tranquillo pomeriggio del 23 aprile, una bambina di appena 12 anni accompagnata dai nonni, si trovava all'interno del “Parco della Mondialità”, noto parco giochi per bambini sito nella zona di Gallico a Reggio Calabria.

Dopo essersi allontanata dalla visuale dei nonni, la ragazzina, è stata vittima dell’aggressione di uno sconosciuto che avrebbe, secondo quanto dichiarato dalla vittima, inizialmente tentato di strangolarla fino a farle perdere conoscienza e poi avrebbe infierito su di lei picchiandola ripetutamente e provocandole importanti lesioni al setto nasale ed alla mandibola. L’aggressore, tutt'ora ricercato dalle forze dell’ordine che nell'immediato hanno avviato tutte le indagini sul caso, nell'udire le urla disperate dei nonni che ricercavano la nipotina si sarebbe dato alla fuga tempestivamente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Calabria

La giovane ragazzina, dopo aver preso conoscienza, secondo quanto dichiarato dagli inquirenti, nell'immediato avrebbe raggiunto la nonna, mentre l’aggressore nel frattempo avrebbe fatto perdere le tracce di sé. Dopo quanto accaduto, fulmineo è stato l’intervento dei carabinieri che si sono precipitati presso il noto parco della città per raccogliere le diverse testimonianze e tutti gli elementi utili a fare chiarezza sul caso.

Tempestivo inoltre l’intervento del personale medico sanitario del 118 che una volta giunto all'interno del Parco della Mondialità ha soccorso la ragazzina. Data la gravità delle lesioni la vittima è stata trasportata immediatamente presso l’Ospedale Riuniti di Reggio Calabria.

I genitori della vittima chiedono la collaborazione dei cittadini

Dopo quanto accaduto, le Forze dell’ordine hanno immediatamente avviato le indagini rese ancor più complesse dall'assenza di telecamere di videosorveglianza all'interno del parco. I genitori della vittima, nella speranza di far luce su quanto accaduto e di svelare l’identità dell’aggressore, hanno deciso di lanciare un appello a tutti coloro che quel giorno erano presenti al parco, invitandoli a collaborare per riuscire a identificare l’aggressore della figlia.

In una lettera inviata ad un noto quotidiano calabrese, i genitori della ragazzina hanno specificato che la bambina non si trova in fin di vita e che non vi è stato nei confronti della vittima alcun tentativo di violenza o abuso sessuale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto