È in prognosi riservata la bambina residente in provincia di Verona colpita da tetano. La piccola, 10 anni, è ricoverata nel reparto di rianimazione pediatrica dell'ospedale di Borgo di Trento e ha sviluppato l'infezione dopo una banale caduta. Da quanto si apprende, non era vaccinata. Roberto Burioni, epidemiologo e divulgatore, dalla sua pagina Facebook ha attaccato duramente i no-vax.

La caduta e l'infezione

La bimba è caduta qualche giorno fa, mentre stava correndo.

Pubblicità
Pubblicità

Una semplice sbucciatura al ginocchio che non le ha causato particolare dolore e che, in un primo momento, non ha allarmato i genitori. Nel giro di poche ore, però, quella che sembrava una ferita superficiale è andata rapidamente peggiorando e la mamma, preoccupata, ha portato la piccola (che non risulta essere mai stata sottoposta alla profilassi antitetanica) al pronto soccorso dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona,

I medici hanno subito riconosciuto l'infezione (che ha avuto un decorso particolarmente veloce) e hanno disposto il ricovero presso l'unità di Rianimazione pediatrica a Borgo di Trento.

Pubblicità

La ragazzina, è cosciente, ma è in prognosi riservata. Le è stata prescritta una terapia con immunoglobuline al fine di arginare la malattia infettiva acuta (che ricordiamo, non è contagiosa), provocata dal Clostridium tetani. Questo pericoloso batterio può attaccare il sistema respiratorio e anche i altri organi, provocando febbre, contrazioni muscolari, tachicardia e sudorazione. Come spiegano gli esperti, il periodo di incubazione varia dai 3 a 21 giorni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Salute

Il personale medico sanitario veronese sta monitorando l'evolversi della patologia. Il direttore generale della struttura ospedaliera, Francesco Cobello, sottolineando la complessità e l'eccezionalità del caso ha aggiunto che la tempestiva diagnosi è stata decisiva. Infatti, quando si hanno in cura bimbi che dovrebbero essere stati vaccinanti solitamente non si pensa al tetano.

Burioni: 'Somari antivaccinisti'

Negli ospedali veneti, da anni, ormai non si registravano bambini ricoverati per tetano.

Carlo Rugiu, presidente dell'ordine dei medici di Verona, ha commentato quanto accaduto affermando, amaro: "E' frutto delle campagne no-vax". Ancora più duro è stato il medico e ricercatore Roberto Burioni che, in un lungo post sui social, ha dichiarato che riguardo al tetano, ancora oggi, girano moltissime bugie. "I somari antivaccinisti - ha affermato - sostengono che non rappresenta un pericolo reale per coloro che non vivono a contatto con gli animali e che, per per evitarlo, basta utilizzare dell'acqua ossigenata per pulire le ferite".

Pubblicità

L'accademico marchigiano, che da sempre si batte contro la disinformazione in materia di vaccini, considera queste convinzioni delle vere e proprie scemenze. Non è vero, infatti, che spesso si è naturalmente immuni da tetano e che si può prevenire assumendo semplicemente della vitamina C. "Il pericolo - ha aggiunto - è ovunque: solo il vaccino assicura protezione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto