Diego Fusaro e Roberto Saviano non sono mai apparsi sulla stessa lunghezza d'onda. L'ultima vicenda li vede protagonisti sui social, dove il filosofo si scaglia apertamente contro lo scrittore. Il tutto avviene su Twitter dove l'autore di Gomorra pubblica un video in cui loda apertamente la scrittura di Primo Levi. Al post in questione arriva la risposta di Fusaro che si scaglia contro Saviano e lo critica in maniera molto dura per quelle che sarebbero le sue abitudini da privilegiato.

La risposta arriva ad un tweet di Saviano su Primo Levi

Diego Fusaro espone il suo pensiero in risposta ad un tweet di Saviano che, in realtà, contiene un video in cui parla di Primo Levi.

L'occasione, per lo scrittore di Gomorra, è proficua per tessere le lodi dell'oggetto delle sue parole. Lo loda per il mondo in cui abbia descritto la realtà del campo di concentramento, mettendo al centro l'uomo. Un'opera che Saviano definisce "da chimico e da filosofo". Sono parole che mettono in luce una stima incondizionata, come quando definisce "sicuramente uno degli scrittori più creativi in assoluto". Un aggettivo che può sembrare fuori posto per uno che deve la sua notorietà come autore ad una delle pagine più nere della storia umana, l'Olocausto.

"Può - ammette - sembrare un'esagerazione, ma arriva a raccontare il lager e ciò che succede dopo attraverso diverse strade. Queste diverse strade sono la sua creatività". Apprezzamento che arriva anche sul fronte tecnico: "La sua versatilità letteraria è finita. Ci sono diversi registri nelle sue pagine: quella naturalista, quella positivista, quello fantastico persino".

Fusaro non gradisce e lo attacca: 'Barbogio'

Diego Fusaro sceglie di attaccare Saviano attraverso Twitter, proprio in riposta a quello che era stato il post in cui Saviano manifestava il suo apprezzamento nei confronti di Primo Levi.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Affari E Finanza Libri

Le tre parole rivolte all'interlocutore con cui esordisce, in pieno stile Fusaro, diventano la più chiara delle manifestazioni di dissenso.“Barbogio bardo cosmopolita" si apre, infatti, così il tweet di Diego Fusaro che passa all'offensiva, andando ad attaccarlo per i privilegi che la sua condizione economica e sociale gli darebbe. "La tua coscienza - tuona Fusaro - è sedotta e oscurata dal succulento caviale sgargiante, dalle titillevoli aragoste e dell’inebriante tartufo rigorosamente bianco".

E a voler sottolineare quest'aspetto il filosofo fa il paragone con quelle che, invece, sarebbero le abitudini e la possibilità della scorta dello scrittore che vivrebbe ben altra realtà. "Mentre - conclude Fusaro - i nerboruti della scorta da noi pagati vigilano senza nulla assaporare di siffatte leccornie".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto