Oggi, martedì 13 agosto, Nadia Toffa ci ha lasciati all'età di 40 anni. La conduttrice e giornalista de Le Iene ha impresso un bel ricordo nei cuori dei suoi colleghi, ma anche delle persone che l'hanno sempre seguita in televisione e che l'hanno sostenuta, con delle parole di solidarietà, nel corso della sua dura battaglia contro il tumore. Nadia non si è mai arresa, ha sempre cercato di vivere una vita normale, ma quest'oggi la sua lotta si è conclusa.

La camera ardente è stata allestita all'interno del teatro Santa Chiara di Brescia, città natale della conduttrice; invece la cerimonia funebre si terrà la mattina del venerdì 16 agosto nella cattedrale della città lombarda.

Padre Maurizio Patriciello celebrerà i funerali di Nadia

Padre Maurizio Patriciello, il sacerdote anti-roghi della Terra dei Fuochi, è stato voluto proprio da Nadia Toffa per celebrare il suo funerale.

Tale conferma è stata proprio dal parroco su Facebook: "Nadia ha preferito che fossi io a celebrare il suo funerale. Mi costa tanto, ma mi reco a Brescia volentieri e con immensa gratitudine. Partirò nel pomeriggio di Ferragosto per arrivare in chiesa alle 10:30 del 16. Ho il dovere di portarle tutto il bene e la riconoscenza della popolazione della Terra dei Fuochi".

Nadia Toffa: la lettera struggente di Maria De Filippi

Oggi si è tenuta la camera ardente, dove non sono mancati colleghi e personaggi famosi per dare l'ultimo saluto a Nadia Toffa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Le Iene

Alcuni di loro, come Maria De Filippi, hanno speso parole importanti per la conduttrice de Le Iene. La presentatrice di Canale 5 ha pubblicato "una lettera" ricordando il suo primo incontro con Nadia. Un incontro che poi è divenuto un grande rapporto di grande stima e d'amicizia reciproca. "Ciao Nadia, ti vedevo in tv e pensavo 'che potenza che è quella ragazza'. Poi, una sera ci siamo incontrate e quello che pensavo è divenuto realtà" ha esordito il messaggio della conduttrice di C'è posta per te.

"Ricordo quando mi hanno comunicato che eri stata male, era un pomeriggio, stavo registrando, ti stavo pensando e mi sentivo vicina a te. Ti ho visto lottare, patire tanto, ma mai smettere di crederci e di essere sorridente. Con la tua potenza, con il tuo sorriso, con il tuo trasformare in qualcosa di normale ogni terapia invasiva come se fosse tachipirina, hai dato una mano a tante persone che sicuramente stanno ancora combattendo" ha aggiunto la De Filippi.

Poi, la lettera della nota "regina" dei programmi Mediaset si è conclusa così: "Mi hai insegnato quanto spesso sono sciocca a pensare che faccio cose rilevanti. Tu sei qualcosa di rilevante per me e per tutti quelli che ti hanno incontrato".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto