Una brutta notizia ci giunge dalla Calabria, dove un antennista è deceduto a causa delle gravi ferite riportate dopo essere precipitato dal tetto di un'abitazione. L'uomo stava eseguendo alcuni lavori ad un'antenna tv, ma qualcosa è andato storto ed è precipitato nel vuoto. Per lui, dopo circa 20 giorni di agonia, non c'è stato nulla da fare e nella giornata di ieri il suo cuore ha smesso di battere.

Sulla vicenda stanno indagando le forze dell'ordine che hanno raccolto tutti gli elementi utili del caso.

Sempre in Calabria, nelle scorse ore, un uomo è precipitato all'interno di un pozzo ed è stato recuperato dai vigili del fuoco.

Calabria, cade da un tetto e muore dopo 20 giorni di agonia

Si chiamava Giovanni Macrì, il 50enne che nella giornata di ieri 2 settembre, dopo una lunga agonia è deceduto presso l'ospedale di Catanzaro.

L'uomo, svolgeva la professione di antennista e, nella giornata di martedì 13 agosto, mentre stava lavorando sul tetto di un'abitazione nel comune di Strongoli Marina, in provincia di Crotone, era precipitato nel vuoto schiantandosi drammaticamente al suolo.

L'uomo stava cercando di riparare un'antenna televisiva, ma per cause ancora in corso di accertamento, ha perso l'equilibrio. L'impatto con il suolo è stato molto violento e sul luogo si era reso necessario l'intervento d'urgenza di un mezzo del 118.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Calabria

Il personale sanitario ha cercato di fare il possibile per prestargli le prime cure direttamente sul posto. Successivamente, è stato trasportato presso l'ospedale di Crotone, dove era stato ricoverato inizialmente. I medici, notando le gravi condizioni di salute in cui versava, hanno deciso poi di trasferirlo presso l'ospedale di Catanzaro, in quanto più attrezzato.

Le condizioni di salute del 50enne sono risultate essere sempre molto gravi, nonostante i medici abbiano tentato di fare il possibile per poterlo salvare.

Purtroppo, nella mattinata di ieri, dopo venti giorni di agonia, il suo cuore ha smesso di battere.

Oltre al personale sanitario, sul luogo dell'incidente si erano recate le forze dell'ordine della stazione di Strongoli e gli ispettori dello Spisal dell’Asp di Crotone per i rilievi tecnico-scientifici.

Calabria, altra notizia di cronaca

Sempre nella mattinata di ieri in Calabria, un uomo è precipitato all'interno di un pozzo artesiano.

La vicenda si è verificata nel crotonese, precisamente nel comune di Cirò Marina. L'uomo stava effettuando alcuni lavori, quando per cause in corso di accertamento, sarebbe finito all'interno del pozzo. Sul posto si sono quindi recati i vigili del fuoco e gli uomini del SAF che dopo diversi minuti, sono riusciti a recuperarlo. L'uomo è stato poi trasportato in ospedale per tutte le cure del caso.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto