Il giorno dopo il terribile Terremoto che ieri, 26 novembre, ha colpito l'Albania e in particolare la zona intorno alla città portuale di Durazzo, il governo centrale ha indetto il lutto nazionale per oggi 27 novembre. Nelle ultime ore il bilancio, che era fermo ieri sera a 13 vittime, è salito in maniera drammatica: le cifre adesso parlano di almeno 25 persone decedute e circa 600 feriti.

Come ricordavamo in altri articoli su questa testata tra le vittime ci sarebbero anche dei bambini. Due strutture ricettive situate in pieno centro a Durazzo sono crollate a causa della violenta scossa. Il sisma ha colpito l'Albania poco prima delle tre nella notte compresa tra il 25 e il 26 novembre.

Partiti i soccorsi dall'Italia

Il nostro Paese ha inviato immediatamente i soccorsi nel "Paese delle Aquile". Soprattutto dalle città di Brindisi, Foggia, Bari e Lecce sono partite numerose squadre di Vigili del Fuoco: i pompieri hanno caricato i loro mezzi e uomini su apposite navi della Guardia Costiera e sono stati portati oltre l'Adriatico. Poche centinaia di chilometri separano infatti la Puglia dalla città di Durazzo.

Anche in gran parte delle regioni adriatiche il sisma si è fatto sentire, e anche piuttosto forte.

A Brindisi e Bari gli edifici hanno letteralmente tremato, causando il panico tra la popolazione, che in alcuni frangenti si è riversata anche in strada.

Il terremoto albanese non ha provocato alcun danno nel nostro Paese: la gente si è solo spaventata a causa della lunga scossa e non ci sono state situazioni di emergenza.

Profondamente diversa invece la situazione in Albania, dove intorno alle 7 di ieri mattina si è avuta un'altra scossa, più lieve comunque della prima.

Il primo ministro albanese in visita negli ospedali

Subito dopo il sisma il primo ministro albanese, Edi Rama, ha fatto visita ad alcuni dei feriti che sono stati ricoverati negli ospedali del Paese, mostrando loro solidarietà.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Terremoto

Il governo ravvisa che ci sono comunque ancora decine di dispersi, per cui le squadre di soccorso continueranno a cercarli nelle prossime ore. Tutte le scuole di ogni ordine e grado oggi resteranno chiuse. Sono impressionanti le immagini che giungono ancora da Durazzo e dalla sua provincia, dove si vedono interi paesini rasi al suolo o sventrati dalla forza del sisma. Continuano anche le scosse di assestamento, che seppur di lieve entità generano apprensione nella popolazione locale.

A Thuamana, cittadina ad una ventina di chilometri da Tirana, dove le strade sono di terra battuta.

Qui è stata allestita una tendopoli all'interno di un campo di calcio in cui da diverso tempo non giocava più nessuno.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto