In Valle D'Aosta una valanga ha travolto una guida alpina a Valtournenche. Si tratta di Roberto Ferraris, finanziere, impegnato in una giornata di scialpinismo. L'uomo aveva 49 anni ed aveva appena segnalato alla famiglia di essere quasi arrivato alla vetta. In Piemonte e in Trentino altre due vittime in montagna.

Scialpinista perde la vita nella zona di Punta Fontana Fredda

È stata una tragica giornata quella di oggi, 15 dicembre, in Valle d'Aosta. Roberto Ferraris, brigadiere capo del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Cervinia, ha approfittato del bel tempo per concedersi un'uscita di scialpinismo.

L'uomo conosceva molto bene la zona di Punta Fontana Fredda, dove di lì a poco si sarebbe consumata la tragica fatalità. Ferraris ha chiamato a casa per avvisare la sua famiglia che a breve avrebbe raggiunto la vetta di oltre 2500 metri, intorno alle 13:00. Quando è trascorso del tempo senza avere più sue notizie, la moglie si è preoccupata e si è messa subito in contatto con i colleghi del marito. Il Soccorso Alpino Valdostano e le Fiamme Gialle hanno raggiunto il posto in elicottero, facendo l'amara scoperta.

Ritrovare Roberto Ferraris non è stato complicato per i soccorritori, poiché l'uomo aveva portato con sé l'Artva. Anche quando non esercitava la sua professione di guida alpina, come raccontano i colleghi, Ferraris era solito uscire equipaggiato, per essere sempre pronto ad aiutare il prossimo in caso di pericolo. Il corpo del 49enne è stato estratto da una massa di neve staccatasi e per lui non c'è stato niente da fare: i medici hanno solo potuto constatare il decesso dell'alpinista.

Secondo una prima ricostruzione da parte dei colleghi, molto probabilmente Ferraris si è trovato in un punto molto instabile (in gergo "placca a vento") e la valanga partita alle sue spalle lo ha travolto inesorabilmente.

Tragica giornata in montagna: perdono la vita tre persone in Piemonte, Valle d'Aosta e Trentino

Il finanziere era anche una guida alpina molto conosciuta ed il suo nome è legato anche a delle vie aperte in Valle, come la "Sao fede" in onore della guida Federico Daricou e la "Banana sprint".

Tutti i suoi colleghi sono scossi per quanto accaduto e lo descrivono come un uomo altruista, generoso e sempre pronto a prestare soccorso a chi ne aveva bisogno. Roberto Ferraris lascia la moglie, Chantal, e due figlie adolescenti.

La giornata odierna è stata tragica in montagna: oltre a Roberto Ferraris in Valle d'Aosta, hanno perso la vita altre due persone. Una sessantaduenne è stata trovata priva di vita nei pressi dell'impianto Goldknopf-Bahn, travolta da una slavina all'Alpe di Siusi a Bolzano. Nel vercellese, un giovane scialpinista è stato estratto dalla neve dopo 50 minuti dall'incidente e trasportato in codice rosso con l'elisoccorso al più vicino ospedale di Borgosesia, in provincia di Vercelli.

Purtroppo, l'uomo è deceduto presso la struttura ospedaliera.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la pagina Sport Invernali
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!