In Cina, e anche nel resto del mondo, è ormai allarme per il pericoloso Coronavirus: si tratta di una polmonite piuttosto acuta che nei casi più gravi può provocare anche il decesso. Il virus ha cominciato a diffondersi negli scorsi giorni nella città di Wuhan, dove è tutt'ora in corso un'epidemia che sta colpendo persone di tutte le età, sia anziani ma anche bambini. Sono migliaia i casi di contagio, mentre per adesso si contano oltre 50 vittime. Le autorità cinesi in queste ore hanno vietato il consumo e il commercio di carni selvatiche.

Per i medici tutto sarebbe partito dal consumo di carne di serpente, ma non la pensa così Dany Shohan, che ai media ha fatto una dichiarazione sconcertante: per lui infatti, ex membro dell'intelligence israeliana, il Coronavirus sarebbe stato creato in laboratorio dai cinesi. Proprio a Wuhan, secondo l'uomo, ci sarebbe un laboratorio dove si studiano armi batteriologiche.

Teoria complottista

Dobbiamo precisare, questo per dovere di cronaca, che le affermazioni di Shohan per adesso paiono del tutto infondate.

Manca infatti una prova concreta che la malattia sia partita proprio da un laboratorio. I sanitari di tutto il mondo stanno infatti cercando di capire bene da dove il virus si sia originato. Sembra lontana ancora la speranza della creazione di un vaccino in tempi brevi, ma nel frattempo le autorità hanno preso seri provvedimenti per contrastare l'epidemia. A Wuhan intanto si stanno costruendo delle nuove strutture sanitarie: si tratta di due ospedali che saranno pronti in tempi brevissimi, uno di questi sarà operativo entro 6 giorni, mentre l'altro entro due settimane.

Inoltre, sempre Shohan, ha affermato che lui stesso ha condotto a lungo ricerche sulla bio-guerra cinese: la creazione del virus, secondo questa teoria, sarebbe legata ad un programma segreto del governo di Pechino che starebbe creando armi biologiche.

L'epidemia accelera

Intanto il Coronavirus continua a diffondersi a macchia d'olio in tutto il Paese, e anche in Europa sono stati accertati i primi casi.

In queste ore è arrivata la notizia che una persona si trova ricoverata presso l'ospedale di Vienna, in Austria, con sintomi che sembrano quelli legati al pericoloso virus cinese. Può capitare infatti che il male venga scambiato per una banale influenza, in quanto i sintomi più diffusi del Coronavirus sono tosse e febbre alta. Per adesso in Italia non si registra nessun caso, ma il Ministero della Salute ha preso comunque tutte le misure di sicurezza necessarie. La scorsa settimana a Bari una cantante lirica che proveniva proprio da Wuhan è stata ricoverata al Policlinico con sintomi che sembravano legati al virus in questione, anche se poche ore dopo i sanitari dall'istituto Spallanzani di Roma sono stati informati del fatto che la signora non aveva assolutamente il Coronavirus ma solo una semplice influenza.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!