Fox News, all'interno di un lungo articolo di approfondimento pubblicato ieri, 19 marzo, ha gettato un'ombra sull'emergenza Covid-19. L'informazione arriva da una fonte non accertata che ha chiesto di rimanere anonima e sulla veridicità dell'informazione ci sono dubbi. In ogni caso, nel articolo si legge che il Governo italiano avrebbe ricevuto un dossier dall'Intelligence in cui si parla della potenziale pandemia già alla fine del 2019. Il Governo avrebbe però sottovalutato la minaccia. Nel frattempo, il bollettino si aggrava ogni minuto che passa: attualmente i contagi nel nostro paese sono oltre 41000 e i morti quasi 4000.

Fox News analizza il caso italiano: 'Peggio della guerra'

In un ampio articolo di Hollie McKay per il canale statunitense Fox News, viene trattato il tema del Coronavirus nel nostro paese e di come l'epidemia sia proliferata fino al punto di rottura.

Nel pezzo della McKay si legge: 'L'Italia, una volta faro del divertimento europeo, della frivolezza, del cibo e della moda, è rapidamente caduta nell'ombra di una nazione fantasma. Un paese contaminato dal Coronavirus, con un'infrastruttura medica incrinata e un numero crescente di vittime.

Dopo la Cina, l'Europa è diventata il punto focale dell'epidemia, con il secondo numero più alto di contagiati'.

Si chiedono gli americani: 'Che cos'è andato storto, quindi?'. 'Non ci sono abbastanza posti letto o ventilatori in terapia intensiva - spiega la dottoressa Dena Grayson della Florida - e l'improvviso aumento di pazienti gravemente malati ha costretto i medici a scegliere a chi dare il letto e quindi chi far sopravvivere.

Nel Nord Italia il tasso di mortalità è salito alle stelle'. Inoltre, il medico spiega che l'Italia è rimasta indietro per quanto riguarda i test con i tamponi su ampia scala, nonostante il loro utilizzo si sia dimostrato efficace nella lotta alla diffusione del Covid-19.

E aggiunge: 'In una piccola città vicino a Venezia, dove sono stati impiegati questi test anche su persone asintomatiche, associati a un tracciamento dei contatti che hanno avuto le singole persone e ad una quarantena rigorosa, la diffusione dell'epidemia è stata completamente interrotta.

Questo dimostra che l'approccio della Corea del Sud può essere applicato anche altrove con grande successo'.

Fox News: Rapporti di intelligence avvertirono l'Italia a fine 2019

Fox News riporta che secondo un esperto di sicurezza con sede a Roma, il quale ha richiesto l'anonimato e non è chiaro come sia venuto a conoscenza di queste informazioni, alcuni rapporti di intelligence avrebbero avvisato il Governo italiano della potenziale pandemia pochi giorni dopo la sua infiltrazione in Cina, alla fine dell'anno scorso. Ma passarono settimane prima che venisse intrapresa un'azione seria a Roma. Bisogna sottolineare come non è chiaro quale "intelligence" avrebbe redatto tale rapporto, se quella italiana o quella statunitense, nè il contenuto dello stesso.

Sempre stando a questa fonte, il Governo italiano avrebbe risposto che era un problema della Cina e che difficilmente il virus sarebbe giunto fino in Italia.

'Lo stile di vita italiano ha aggravato l'epidemia'

C'è chi sostiene che alcuni dei marcatori familiari e culturali che definiscono lo stile di vita italiano potrebbero aver aggravato l'epidemia. Secondo un rapporto dell'Università di Oxford, l'Italia ha una delle popolazioni più anziane a livello mondiale - il 23,3% dei cittadini ha più di 65 anni e sulla base di ciò che gli scienziati sanno finora sul Coronavirus gli anziani sono i più vulnerabili - e sono molte le famiglie multigenerazionali.

Il che significa che vivono sotto lo stesso tetto o vivono poco distanti con frequenti interazioni. 'La meravigliosa famiglia e il senso di comunità degli italiani è diventata la loro più grande vulnerabilità nel tempo di una pandemia globale', ha osservato la dott.ssa Summer McGee, preside della School of Health Sciences dell'Università di New Haven.

'L'Italia non si è mossa abbastanza velocemente nell'adottare misure di distanziamento sociale e di blocco. Questo è lo stesso problema che stiamo vedendo ora negli Stati Uniti', ha continuato la McGee. 'Le vacanze di primavera stanno ancora riempiendo le nostre spiagge in Florida e tutti viaggiano per il paese nello stesso modo in cui gli italiani si sono radunati nei ristoranti e nelle piazze per settimane prima della chiusura'.

Secondo l'epidemiologo Andrew Huff la crisi che avvolge l'Italia potrebbe giungere negli Stati Uniti tra due o tre settimane.

Segui la nostra pagina Facebook!