A causa della crisi economica provocata dal nuovo Coronavirus un imprenditore di Ploaghe, nel sassarese, ha distrutto il suo locale a colpi di mazza. Gian Mario Fenu, un pizzaiolo 59enne del posto conosciuto come "Ciondolo" - questo per via della sua passione per il parapendio - ha deciso di effettuare un gesto dimostrativo di protesta e rabbia per le difficoltà che sta affrontando la sua categoria, pubblicando il tutto sui suoi profili social.

Nel video, Fenu sostiene di avere costi di gestione troppo alti per poter proseguire con la sua attività, ormai aperta da diversi anni (quasi 30). Con l'arrivo della pandemia l'uomo ha avuto più costi che ricavi, per cui ha deciso di vendicarsi e scatenare la sua rabbia con questo strano stratagemma.

Il video è stato condiviso miglia di volte in poco tempo.

Fenu: 'Non ce l'ho con nessuno'

In tanti hanno pensato che il gesto del 59enne fosse una dimostrazione nei confronti del governo e delle autorità politiche, ma è stato proprio lui a dichiarare alla stampa che non ce l'ha con nessuno in particolare.

Fenu ha detto di non voler dare "alcun segnale politico", ma solo di voler manifestare la propria rabbia per tutto quello che sta succedendo: l'uomo ha anche aggiunto di essere rimasto in un certo modo sorpreso dal successo che ha avuto il suo video. Come la gran parte degli esercenti sul territorio nazionale, "Ciondolo" si è adattato in questi due mesi alle disposizioni che sono arrivate dalle autorità e ha anche pensato ad una possibile riapertura del locale pur con tutti i nuovi adeguamenti previsti.

L'uomo ha anche un altro locale

Secondo quanto riferisce la testata giornalistica locale online, Unione Sarda, il 59enne possiede nello stesso paese un altro locale, ovvero il Caffè San Pietro. Proprio lui ha dichiarato di voler portare avanti quest'attività, tranquillizzando tutti sul fatto che non subirà la stessa sorte del suo pub.

"Ciondolo" inoltre avrebbe intenzione di prepararsi ai campionati mondiali dei pizzaioli. Già negli scorsi anni l'uomo ha partecipato alla kermesse, ottenendo risultati molto positivi. La crisi economica provocata dal Sars-CoV-2 sta colpendo profondamente tantissimi imprenditori in tutto il paese e per questo il governo del premier Giuseppe Conte ha approvato nelle scorse ore il Dl Rilancio, con il quale si mettono a disposizione di imprese e famiglie 25,6 miliardi di euro, per cercare di sostenere l'economia nazionale.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!