Novità sul caso di Madeleine McCann, detta Maddie, la bambina scomparsa nel 2007 da Praia de Luz (Algarve, Portogallo) dove si trovava in vacanza assieme alla sua famiglia. Nel nascondiglio di Christian Brueckner, pedofilo 43enne di origine tedesca, gli inquirenti hanno rinvenuto ottomila tra filmati e immagini, registrati su dischi fissi e chiavette usb. Brueckner, lo ricordiamo, è il principale sospettato della scomparsa della bimba inglese, che all'epoca della sparizione aveva solo 3 anni.

Gli indizi scoperti potrebbero contenere indizi "vitali" per la risoluzione del caso. Tutto il materiale scoperto dagli inquirenti è stato trovato sepolto all'interno di una fabbrica deserta che il delinquente aveva trasformato nel suo rifugio.

Il procuratore Hans Christian Wolters è stato intervistato da una emittente australiana, 60 Minutes. Wolter ha dichiarato: "Per ora non posso commentare la notizia, di conseguenza non sono in grado di affermare se ci sono o meno foto ritraenti Maddie".

Madeleine McCann: il nascondiglio di Brueckner

I media hanno ripreso il nascondiglio di Christian Brueckner, dove è sito anche un camper, al cui interno sarebbero stati scoperti dei costumi da bagno. Al momento non è dato sapere se possano appartenere alle vittime del 43enne, in carcere per violenza sessuale nei confronti di un'americana di 72 anni. Anche questo delitto è avvenuto in Portogallo, stato in cui Brueckner ha vissuto per diverso tempo.

Oltre a Maddie, si pensa che Brueckner abbia fatto sparire altri minori, tra cui la piccola Inga Gehricke.

La bimba scomparve nel 2015 in un bosco della Sassonia-Anhalt nel corso di una festa a cui era stata invitata la sua famiglia.Il nascondiglio di Christian Brueckner si trova in una non meglio precisata zona nei pressi di Neuwegersleben.

Le immagini mandate in onda dalla tv australiana mostrano un luogo degradato, pieno zeppo di parti di computer e scatole di plastica sparsi nell'area esterna al rifugio del 43enne.

Le dichiarazioni di Hans Christian Wolters

Il procuratore Hans Christian Wolters ha ribadito: "Abbiamo prove concrete che Brueckner abbia tolto la vita a Madeleine McCann, questo vuole dire che non è più in vita.

Ai genitori è stato detto che la polizia tedesca ha le prove, ma i dettagli non sono stati loro resi noti". Eppure, la madre e il padre di Maddie hanno smentito qualsiasi tipo di comunicazione simile nei loro confronti. Il procuratore tedesco, tuttavia, ha continuato a insistere: "Non abbiamo il cadavere o parti di esso, ma abbiamo prove sufficienti, per poter affermare che il nostro sospettato abbia ucciso la bambina". Secondo gli inquirenti Maddie, prima di essere uccisa, è stata anche violentata dallo stesso Brueckner.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!