Questa ricetta fu inventata da alcune suore che vivevano in un convento di Palermo. Gli elementi fondamentali sono il pomodoro, le acciughe e formaggio caciocavallo per dare un sapore più ricco. In alcuni paesi siciliani lo sfincione si usa prepararlo e mangiarlo nei giorni che precedono tutte le feste del periodo natalizio. A Palermo questo è piatto di origine contadina.

Gli ingredienti che occorrono per preparare questa pizza sono i seguenti:

* 250 g di farina di rimacino:

* 250 g di farina 00;

* 300 g di formaggio caciocavallo tagliato sottile;

* 50 g di formaggio pecorino grattato;

* 4 cipolle medie;

* 1 panetto di lievito di birra;

* 500 g di pelati;

* origano q.b.

* 100 g di acciughe sott'olio;

* pane grattugiato;

* mezzo cucchiaino di zucchero;

* olio extra vergine, sale e pepe q.b.

Per la preparazione dello sfincione, mescoliamo la farina con il lievito precedentemente sciolto in acqua calda e aggiungiamo lo zucchero. Impastiamo il tutto aggiungendo acqua tiepida salata, il pecorino e un filo di olio. Otterremo un impasto morbido, copriamolo con un panno e lasciamolo riposare per un'ora fino a quando non sarà lievitato.

Tagliamo le cipolle finemente e mettiamole in padella con un filo di olio di oliva; un poco dell'olio delle acciughe e un paio di cucchiai di acqua lasciando appassire le cipolle. Uniamo i pelati con un pizzico di sale e pepe lasciando cuocere tutto per una ventina di minuti. 

A fine lievitazione dell'impasto, aggiungiamoci 2 cucchiai di olio extra vergine e stendiamolo in una teglia precedentemente unta con olio di oliva, la pasta dovrà avere uno spessore massimo di due centimetri.

I migliori video del giorno

E' arrivato il momento di condire la pizza.

Mettiamo per primo le acciughe a pezzettini, aggiungiamo le fettine di formaggio, il sugo dei pomodori pelati e infine la cipolle a fettine. Spolveriamo il tutto con pane grattugiato tostato precedentemente e l'origano, lasciamo riposare per circa mezz'ora e inforniamo per 40 minuti in forno a 220 gradi. Sforniamo la pizza e gustiamola ancora calda.