Su Vasco Rossi se ne sono scritte e dette di tutti i colori, intorno alla figura della rockstar italiana sono nate tante leggende, dalle malattie incurabili alle affermazioni sul sud, tanto per citarne due.

Un'altra storia molto suggestiva che negli anni si è fatta strada è quella relativa alla possibile esistenza di un tesoro nascosto di Vasco. Si tratterebbe di una serie di canzoni inedite, scritte negli anni e mai incise, messe in un cassetto pronte per essere pubblicate postume. Sulle opere postume Vasco ci ha sempre scherzato su, come per il caso dell'attesissima quarta canzone della sua vita (dopo Vita Spericolata, Sally e Un Senso) annunciata qualche anno fa su Vanity Fair, una canzone che inizia con "Se ti potessi dire" che Vasco, in una recente intervista in video chat dalla sede de la Stampa, ha presentato come la chiusura di un cerchio, la conclusione di un percorso artistico, "forse - ha detto sorridendo- sarà pubblicata postuma".

In rete circola una serie di provini che spopolano tra i fan, canzoni registrate principalmente negli anni ottanta, pezzi ironici, ma nello stesso tempo struggenti come Vestita di Bianco o Donna Particolare (dedicata a Mina) e ancora canzoni che danno la sensazione di avere un grande "spessore cantautorale" come Sognerò e Continuavi nella sera, nonostante la qualità dell'audio sia scadente, sono tanti i commenti di fan che dicono di emozionarsi all'ascolto di questi brani.

In passato è capitato che Vasco recuperasse pezzi scartati da album precedenti per inciderli successivamente, è il caso, ad esempio, di Maledetta Ragione, esclusa da Liberi Liberi e inserita in Vivere o Niente; in un clippino pubblicato lo scorso anno il rocker di Zocca ha fatto ascoltare l'incipit di "Marta piange ancora", brano che pare sia stato scartato dall'album Canzoni per me e rivisitato per essere inserito probabilmente nel prossimo album.

I migliori video del giorno

Ma esiste davvero il tesoro nasco di Vasco? Lo abbiamo chiesto alla storica portavoce del cantante, Tania Sachs che smentisce categoricamente questa possibilità: "Quel materiale- dice la Sachs- non esiste, in mezzo a tutta quella fuffa che gira in rete c'è forse qualche vagito infantile di Rossi, ma tutto quello che considerava canzoni lo ha messo nei dischi". Sempre nell'intervista rilasciata al giornale La Stampa Vasco si è lasciato sfuggire che molto probabilmente a Settembre si sentirà qualcosa di nuovo, magari- aggiungiamo noi- si tratta dell'annuncio del prossimo atteso album del quale si parla da tempo che, secondo alcune fonti, è pronto da tempo, ma non è uscito a causa dei problemi da salute del rocker.

Tania Sachs non ha risposto invece alla domanda sui motivi del cambio al vertice nello staff con il regista Salvati che ha preso il posto di Fini.