A causa di un errato esperimento meteorologico, la Terra è precipitata in un inverno perenne. I pochi sopravvissuti hanno trovato rifugio su un treno mosso da un motore a moto perpetuo, lo Snowpiercer. A bordo, tutto ricorda il mondo di prima: nei vagoni di coda ci sono i disperati, che vivono ammassati in luridi vagoni. Dai bassifondi è proibito muoversi e nessuno ha mai visto le sezioni di mezzo e di testa e soprattutto la locomotiva, dove vive il mitico Wilford (Ed Harris), colui che ha ideato il treno e lo fa marciare.

Dopo quasi vent'anni di viaggio tra lande desolate e innevate, Curtis (Chris Evans) guida la rivolta dei bassifondi: riesce superare gli sbarramenti e scopre che i vagoni del treno riservati ai privilegiati sono pieni di lussi e comfort.

Come in un'odissea, Curtis e i suoi compagni, sia pur decimati, percorrono il convoglio, fino a incontrare il leader Wilford, un uomo ossessionato dai treni fin da bambino, tanto da sembrare Howard Hughes (ricordate The Aviator, con DiCaprio?) o il Kane di Quarto potere.

Diretto dal sudcoreano Bong Joon-ho, Snowpiercer ricorda, nella sua struttura narrativa, un altro recente film di fantascienza distopica: Elysium. Come in quello, anche in questo film l'eroe è tutt'altro che senza macchia e senza paura e il suo viaggio verso il mondo degli oligarchi (lì il satellite Elysium, qui i vagoni di punta del treno) diventa anche un percorso di redenzione.

Oltre che alla fantascienza post-apocalittica, Bong attinge anche al film di guerra e del "gruppo partito per missione suicida" e così via.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Un puzzle di suggestioni ed echi che il suo collante in una narrazione sempre coesa, implacabile, che sfreccia verso il finale implacabile e sferragliante come lo Snowpiercer.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto