I mitici Rolling Stones, dopo un'assenza di 7 anni, tornano con un concerto epico a Roma. La location scelta per l'attesissimo evento del 22 giugno 2014 è il Circo Massimo. Il sito archeologico romano unico al mondo sarà riempito da 65mila fans provenienti dall'Italia ed Europa.

I problemi legati a questa invasione pacifica fanno paura alla Soprintendenza dei Beni Pubblici che ha espresso perplessità; mentre il Sindaco è molto contento per l'arrivo del complesso dei settantenni senza tempo. Mick Jagger ha twittato in italiano di non vedere l'ora di esibirsi a Roma. I grandissimi componenti del gruppo storico si esibiranno il 22 giugno prossimo davanti ad un mare di folla nell'antico sito romano suscitando già alla notizia polemiche, che sono in grado di rovinare lo slogan: "Il fascino della storia incontra la storia del rock".

Infatti la loro esibizione rappresenterebbe per la capitale un colpo grosso, con manifestazioni ed eventi legati appunto al concerto dei padri del rock and roll.

I Rolling Stones non sono nuovi a questo bagno di folla, avendo registrato 2 milioni di fans sulla spiaggia di Copacabana del 2006. Niente in confronto a quella attesa nel sito archeologico, ma tanto per accendere gli animi tra la Soprintendenza dei Beni Archeologici e il primo cittadino romano.

Le Belle Arti temono che possono esserci danni vandalici non potendo controllare tutte le persone che interverranno, già teatro del concerto di Antonello Venditti e Genesis del 2007. Purtroppo molti di noi abbiamo nella memoria i disordini accaduti a Venezia nel 1989 con i Pink Floyd. In ogni caso il concerto si farà, parola della Direttrice Regionale del Ministero consapevole dei benefici che la tappa del tour "14 On Fire" rappresenterà per Roma.

I migliori video del giorno

Non solo un evento mediatico, il concerto rappresenta una cartolina di benvenuto per il turismo che soffre in questo periodo particolare la crisi economica.

Polemiche a parte, i biglietti saranno in vendita dal 21 marzo al prezzo di 78 euro e la location è confermata per ascoltare la voce eterna di Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts, Ronnie Wood, tutti giovanotti dai 70 anni in sù.