Il logo di Google è oggi sostituito da uno dei sui Doodle animati, e la O centrale è occupata dal ritratto di una giovane donna italiana, Maria Gaetana Agnesi, il cui volto diviene pian piano sorridente mentre le viene disegnata attorno una versiera, curva che descrisse nella sua opera più importante e ancor oggi chiamata in molti paesi la strega di Agnesi (per un vecchio errore di traduzione).

Nata a Montevecchia (in provincia di Lecco) il 16 maggio 1718, fu la prima di ben ventuno fratelli, e nonostante la famiglia facoltosa, non essendo nata maschio poté accedere agli studi soltanto avendo dimostrato fin da piccola una straordinaria intelligenza, riconosciuta dal padre.

Fu così che imparò perfettamente 7 lingue (oltre all'italiano, il latino, il greco, il tedesco, il francese, lo spagnolo e l'ebraico), focalizzando poi i suoi studi sulla matematica, scienza alla quale apportò diversi contributi nella sua vita. La sua opera più conosciuta, e che le valse diversi riconoscimenti in tutta Europa, fu Instituzioni Analitiche ad uso della Gioventù Italiana.

Oltre che per la sua intelligenza ed il suo impegno a favore dell'istruzione delle donne, Maria Gaetana Agnesi, che a ventun anni aveva chiesto al padre, senza successo, di poter diventare monaca, viene anche ricordata per l'attività di benefattrice che intraprese soprattutto dalla morte del padre, nel 1752, occupandosi di poveri e malati fino ad aprire un piccolo ospedale dove lei stessa prestò servizio e nel quale fece confluire tutti i suoi averi.

Morì a Milano all'età di 80 anni, il 9 gennaio 1799. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto