Da questa mattina ha preso il via una nuova strategia europea "Il Cinema europeo nell'era digitale" per promuovere la cultura cinematografica, la diversità culturale e la competitività nell'era digitale. Maniaci del touch screen di tutto il mondo siete avvisati. Questa strategia - la cosiddetta Film Board Europeo - promuoverà un nuovo tipo di dialogo per incoraggiare lo scambio delle idee migliori a livello nazionale, regionale e di politica audiovisiva europea, che dovranno completarsi e integrarsi a vicenda, reagendo, ad esempio, alle sfide digitali e alle difficoltà che affrontato molte case cinematografiche che cercano di ottenere finanziamenti.

In programma, a partire da oggi, è previsto anche un forum: "Europa creativa" che sarà supportato da seminari per raccogliere dati e condividere informazioni a livello internazionale. Fino al prossimo Festival di Cannes - che si terrà il 17 maggio p.v. - il forum, istituito a livello europeo, riunirà esperti di Commissione di tutti gli Stati membri per cercare fondi cinematografici.

Lo ha annunciato Androulla Vassiliou rendendo noto anche il nome del vincitore di MEDIA: il regista bosniaco Danis Tanović, che riceverà finanziamenti anche per un prossimo film.

Il premio MEDIA è una celebrazione dell'Unione Europea 2014 che si svolge ogni anno durante il Festival di Cannes.

I film europei rappresentano quasi i due terzi delle produzioni cinematografiche ma solo un terzo del numero di biglietti venduti. Sebbene il numero di film prodotti in Europa si aggira intorno ai circa 1100 film nel 2008 e 1300 film nel 2012, la maggior parte del film entrano nelle sale cinematografiche solo nel paese in cui sono prodotti e raramente vengono distribuiti attraverso le frontiere.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Certamente questa cosa non è caratteristica specifica dell'Italia, ma anche le produzioni italiane minori potrebbero avvantaggiarsene.

"Migliorare la distribuzione dei film europei nel mercato internazionale, è importante non solo a livello economico ma anche in termini di diversità ", ha dichiarato il commissario europeo per l'Istruzione, la Cultura ed il multilinguismo, Androulla Vassiliou.

"Il giovani produttori, registi e creativi sono l'obiettivo del nostro programma, e in questo settore forniamo un contributo reale all'opera.

- ha continuato - "E 'chiaro, tuttavia, che c'è ancora molto lavoro da fare per aumentare film europei che debbono attrarre più pubblico e migliorare la cooperazione transfrontaliera . Sono contenta per l'opportunità di questa nuova strategia, prima del settore, che verrà discussa ancora nei prossimi giorni ed al Festival di Cannes".

Il documento della strategia europea suggerisce che il finanziamento dovrebbe essere più concentreranno sull'espansione del pubblico cinematografico, nonché di supporto alla creazione, la promozione e la distribuzione del film, a livello internazionale.

Attualmente, quasi il 70 % dei finanziamenti pubblici nazionali è finalizzato alla produzione dei film, piuttosto che all'attrazione di un pubblico potenziale ed alla massimizzazione dello spazio. Data la sempre crescente domanda di download digitali è consigliato, oggi, avere anche un approccio più flessibile e sperimentale al cinema.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto