L'ottava edizione del premio letterario G. Bolognesi, concorso di poesia per studenti delle scuole superiori della provincia di Livorno dedicata al professor Giancarlo Bolognesi morto suicida nel 2006, si è conclusa con la cerimonia di premiazione il 3 giugno 2014, al Palazzo Granducale della città labronica: una manifestazione alla quale hanno aderito molti ragazzi con poesie di qualità.


La giuria, composta da docenti e dal presidente della Provincia Kutufà nonché dal Dirigente Scolastico provinciale, ha dichiarato di aver avuto difficoltà a scegliere le migliori opere a cui assegnare i numerosi premi messi a disposizione dalla famiglia Bolognesi, in quanto sono pervenute composizioni di qualità che spaziano su molti argomenti come l'amore, l'amicizia, la guerra, temi sociali e sentimenti, valori che, come dichiarato dallo stesso presidente, sembrava fossero stati persi.


La soddisfazione di leggere elaborati che affrontano tematiche importanti, la sensibilità con la quale molti si sono espressi e la maturità dimostrata, infonde molta speranza e fiducia nel futuro e soprattutto dimostra che i giovani d'oggi non sono superficiali come si potrebbe pensare. Quindi speranza in un domani migliore anche per Italia, che sarà in mano a queste nuove generazioni.

La cerimonia si è aperta con due esecuzioni di brani strumentali da parte di alcuni ragazzi del Liceo Classico "Niccolini-Palli" ed è proseguita con la presentazione del progetto da parte del Presidente della Provincia, della sorella del professore scomparso e del Dirigente Scolastico che ha dichiarato che non si aspettava dagli studenti tanta partecipazione. Ha definito la poesia come colei che lava la ruggine e le incrostazioni dell'anima. Investire dunque sulla gioventù ed investire soprattutto sulla Scuola!

Ai primi tre classificati è andato un premio in denaro, una pergamena e un libro che contiene tutte le composizioni degli studenti che hanno partecipato al concorso. Sono stati assegnati anche premi di merito e il premio della critica per la poesia "Positività", per il messaggio di speranza e ottimismo che infonde, composta da una studentessa del secondo anno del Liceo Scientifico - Scienze umane "F.Cecioni", vincitrice anche, ex-aequo, del primo premio del Concorso.

Al termine della cerimonia i primi 5 classificati sono stati intervistati da un giornalista di Telegranducato, la tv locale di Livorno, spiegando il perché della scelta del tema affrontato e il significato della loro poesia.