Dopo la pubblicazione della graduatoria nazionale e le prime assegnazioni, molti aspiranti camici bianchi si sono visti non rientrare tra i 9983 o al massimo qualche centinaia di posizioni più avanti.

Ci si chiede dunque: "Come fare ad essere ammessi?"

La regola fondamentale è non disperate infatti è rimasta ancora una speranza per il prossimo anno.

E' giunta una dichiarazione del Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini: a partire dal prossimo anno il test di ammissione per Medicina potrebbe non essere più selettivo.

In poche parole non potrebbe essere previsto un numero chiuso di iscritti alla facoltà.

L'alternativa adottata all'estero: 

La selezione avverrà secondo il metodo che è stato adottato in Francia, potranno cioè accedere solo gli studenti universitari più meritevoli che avranno una media molto alta al termine del primo semestre.

Questa sarebbe un'alternativa al test molto discusso dai studenti che non si vedranno togliare le speranze prima di essere stati messi veramente alla prova; verrà anche data loro la possibilità di rendersi conto se la facoltà di Medicina sia quella migliore.

Inoltre, non verrebbe più negato il diritto allo studio.

E' certo però che mantenere gli aspiranti medici per 6 mesi per poi ridurre drasticamente la loro consistenza significa alti costi per le strutture, idonee per ospitare un numero minore di studenti.

Non ci resta altro che aspettare luglio, quando il Ministro darà maggiori informazioni sul test di ammissione.  

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto