E' morto Pino Daniele. Il Re del blues ci ha lasciato in dono il suo particolare e unico timbro vocale l'1 gennaio 2015, quando è apparso in TV per l'ultima volta prima che un infarto mettesse fine alla sua vita. 59 anni e alle spalle tutta la gavetta e le sonorità di un genio della musica.

Pubblicità
Pubblicità

Nella notte del 5 gennaio è stato stroncato da un infarto nella sua casa in Toscana. Sconvolgimento generale e sostegno sui social da parte di moltissimi artisti. Il primo che ne ha dato notizia è stato Eros Ramazzotti dedicando al cantautore napoletano bellissime parole di stima e affetto. La figlia Sara, chiamata in causa dai media si è limitata (giustamente) ad affermare che si tratta di un momento davvero terribile. Noi però Pino Daniele vogliamo ricordarlo per il grande artista che è stato e sempre sarà, per la musica che ci ha saputo regalare e le sonorità assolutamente riconoscibili che gli apparterranno oggi esattamente come domani, con dei piccoli accenni, e alcune frasi tratte dalle sue più belle canzoni (fare una cernita in questi casi risulta sempre estremamente difficile).

Pino Daniele, le frasi più belle delle canzoni
Pino Daniele, le frasi più belle delle canzoni

Pino Daniele è morto: grave lutto nel mondo della musica, ecco le frasi più belle delle sue canzoni

Pino Daniele è morto e con lui grande parte della musica d'autore in Italia. Per il mondo della musica questo, dopo la recente morte di Mango è davvero un ulteriore lutto da digerire con estrema difficoltà e sofferenza. Tantissimi i messaggi di cordoglio, da Eros Ramazzotti a Laura Pausini ed Emma Marrone: "Solo tu potevi chiamarmi Emmuccia… Ciao Pino, che vuoto…" e molti altri.

Pubblicità

Quasi mezzo milione di fan su Facebook dove regna sovrana una foto in bianco e nero raffigurante la strada dell'1 gennaio 2015, quando il cantautore stava facendo ritorno a casa. Pino Daniele è sempre stato romantico ma anche ironico: "Guagliò, ma che te ne fot*e?! E quando good good cchiù nero da notte nun può venì!" (frase tratta da Che te ne fot*e del 1981 presente nell'album Vai mò, quarto lavoro dell'artista). "Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d' 'e criature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo" (da Napule è del 1977), e ancora: "Io per lei ho due occhi da bambino, se sei tu il mio destino allora portami via…" (Io per lei del 1995).

Fare una 'selezione' delle frasi più belle delle canzoni di Pino Daniele era ed è una impresa decisamente ardua, noi ci stiamo solo limitando ad omaggiarlo con un piccolo saluto per il viaggio più lungo che in questo momento sta percorrendo. Ciao Pino!

Leggi tutto