L'attesa è stata lunga per i fan dei Kansas e per tutti gli ascoltatori di Musica di una certa qualità, finalmente a distanza di 16 anni dall'ultimo album in studio (Somewhere to Elsewhere uscito nel 2000), il 23 settembre 2016 uscirà tramite la casa discografica Inside Out Music il loro ultimo lavoro " The Prelude Implicit ". L'album sarà distribuito in CD, Vinile 180g e digitale, ne faranno parte 10 nuovi brani scritti dal gruppo e prodotte assieme a Zak Rizvi, Ehart e Williams.

Questo ultimo album è il primo dove manca il fondatore, cantante e tastierista Steve Walsh, che ha lasciato la band a fine giugno del 2014, sostituito dal nuovo cantante Ronnie Platt, il quale racconta: "Registrare " The Prelude Implicit " è stata un'esperienza incredibile e non potrei essere più felice dei risultati.

La mia speranza è che, conoscendo i fan dei Kansas, apprezzeranno comunque la grande diversità in questo album"Mentre il grande chitarrista della band Richard Williams afferma: " Conterrà 10 tracce che delizieranno tutti gli amanti di " Dust in the Wind ".

Gli inizi e l'ascesa dei Kansas

I Kansas cominciarono a suonare nel 1970 alcuni brani scritti da Livgren e dopo nel corso di alcuni anni cambiarono formazione, con l'uscita e l'ingresso di nuovi componenti, ma questi continui cambiamenti li accompagneranno per molti anni nel corso della loro carriera. Infatti è per questo che i loro fan, in base ai cambiamenti della band, hanno diviso la loro carriera in varie sezioni. Nel 1974 identificati come Kansas III pubblicano il loro primo album "Kansas" con la formazione di Robby Steinhardt ( violino e basso ), Rich Williams ( chitarra ), Steve Walsh ( tastiere e voce), Kerry Livgren ( tastiere e chitarra ), Phil Ehart ( batteria ) e Dave Hope ( basso ).

I migliori video del giorno

La band nel corso degli anni cambierà vari generi musicali, ha iniziato con il rock progressivo e nel corso degli anni 70, ha raggiunto livelli alti sia nei concerti, riempiendo gli stadi e raggiungendo le vette delle classifiche con brani tipo " Dust in the Wind ", e nel corso degli anni con altre canzoni tipo " Carry on Wayward Son ", " All I Wanted ", " Don't cry no more ". Nei primi anni 80 la band influenzata dalla conversione religiosa di Livgren, si è avvicinata a generi musicali che fanno riferimento alla cristianità, dopo nel 1986 i Kansas rinnovano una parte della loro formazione e producono l'album " Power " con brani che hanno sonorità hard rock. Il gruppo nel corso degli anni continuerà a pubblicare raccolte e live, esprimendo sempre le loro qualità e la professionalità che li distingue nel passare da un genere all'altro, cambiando pelle e cercando di stare al passo con l'avvento delle nuove generazioni.