L'ultimo film Ron Howard è stato presentato pochi giorni fa in anteprima mondiale a Firenze, a Palazzo Vecchio. Presenti alla serata di gala Tom Hanks (che interpreta sempre il Prof. Langdon), tutto il cast e naturalmente Dan Brown, lo scrittore del romanzo che ha ispirato la pellicola: a loro il pubblico ha regalato tanti applausi e molte domande.  

Come ricorderete "Inferno" è il terzo film della serie che comprende "Il Codice da Vinci" e "Angeli e Demoni", tratta dai bestseller di Dan Brown. La trama ha come protagonista il professor Robert Langdon che, dopo diverse vicissitudini, si risveglia in un ospedale di Firenze sofferente di una amnesia totale: alcuni uomini gli stanno dando la caccia.

Pubblicità
Pubblicità

Langdon vuole recuperare la memoria e si mette nelle mani del dottor Sienna Brooks. Il suo intento è quello di salvare l'umanità, dipanando i misteri che sono occultati nella grandiosa opera di Dante: quest'ultima, da qualche tempo, sta tormentando la sua mente. Una organizzazione segreta, Il Consortium, sarà il nuovo nemico da combattere.

Idea per un romanzo

Alcuni spettatori, durante l'anteprima, hanno chiesto a Dan Brown come gli fosse venuta l'idea per questo suo nuovo libro: lo scrittore ha risposto molto semplicemente che tutto era iniziato quando aveva letto una statistica sull'aumento esplosivo della popolazione del pianeta, addirittura triplicata negli ultimi ottanta anni.

Visto che questo è considerato un problema, sia da parte degli scienziati che da quello degli ambientalisti, si era interessato alla questione affrontandola come lui sa fare, scrivendo un libro. Naturalmente il libro racconta molto di più di quello che vedrete nel film, ma il filo conduttore è quello della sovrappopolazione del pianeta. 

Firenze, città misteriosa

A chi ha chiesto a Ron Howard come mai abbia scelto Firenze per ambientare film, lui ha risposto che è una città stupenda, che mostra ad ogni inquadratura bellezza e mistero.

Pubblicità

Nel film, la città di Firenze diventa, essa stessa, un personaggio.

Howard ha detto, inoltre, che rileggendo la Divina Commedia ha avuto la sensazione di avere tra le mani la guida per i prossimi film horror che farà. Per quanto riguarda il film Inferno, nella presentazione ha tenuto conto di alcuni numeri demoniaci: nelle sale il 13 ottobre e distribuito in 666 copie dalla Warner Bros. Più inferno di così.

Leggi tutto