Dal giorno della sua scomparsa, avvenuta il 16 agosto del 1977, sono tante le bizzarre teorie, secondo le quali Elvis Presely in realtà non sia mai deceduto. Queste illazioni nel corso degli anni, sono divenute per molti una “verità assoluta”. Numerose sono le associazioni, nate in tutto il mondo, le quali asseriscono che in realtà il “Re del rock” abbia inscenato l’attacco cardiaco, fonte del suo decesso, per uscire fuori da un insostenibile show business. In realtà queste illazioni hanno una fonte di realtà, che proviene proprio dalla causa, per meglio dire, sulle ipotesi di decesso di Elvis. Infatti ad uccidere il cantante sarebbe l’ipotesi di un attacco cardiaco, sconfessato subito dall’autopsia, la quale rilevò che nel suo corpo erano presenti ben quattordici medicinali differenti.

Un mix di barbiturici, anfetamine, stimolanti e psicofarmaci. Lo stesso medicò che effettuò l’esame autoptico però, non potette confermare questa causa, aggiungendo un’ulteriore ipotesi riconducibile alla sua obesità (Elvis al momento della Morte pesava 158 kg). Come se non bastasse furono formulate altre due ipotesi; la prima imputava la “codeina”, una sostanza presente in farmaci per alleviare il mal di denti, che sarebbero stati assunti in maniera massiccia. La seconda invece, attribuiva ad una costipazione cronica la vera causa della morte di Elvis Presely (dal libro di George Nick Nichopoulos “ The King and Dr. Nick” – 2010). Insomma solo ipotesi e nessun dato certo.

Le ipotesi sulla cospirazione

Sono state formulate molteplici supposizioni sul non decesso di Elvis Presley, tra le tante le più fantasiose, armoniose e singolari teorizzano un interesse dell’FBI, oppure il coinvolgimento del cantante nell’omicidio di John Fritzgerald Kenney.

I migliori video del giorno

Da non dimenticare la teoria secondo la quale il “Re del rock”, fosse stato di natura aliena. Meno malvagia è quella che vedrebbe Elvis nascondersi a Cuba, dove avrebbe concesso un’ intervista ad un fotoreporter statunitense, svelando tutti i dettagli.

La presenza del cantante oltre che a Cuba viene avvistata un po’ in tutto il mondo. Ultimamente i filosofi della cospirazione, hanno segnalato la sua presenza a Greceland, in occasione della cerimonia per il suo 82esimo compleanno (08 gennaio 2017). A rivelarlo ci sarebbe una foto di un uomo anziano, con barba, capelli bianchi, occhiali scuri e cappellino in testa, presente nella tenuta di Memphis proprio nel giorno della cerimonia. Il volto dell’uomo si ritiene somigliante al quello di Elvis, anzi sarebbe stato analizzato da uno speciale software, che avrebbe comparato come sarebbe la sua faccia oggi. Ebbene, secondo il programma, la possibilità che quell’uomo sia veramente Elvis Presley è del 90% . Inoltre alcuni internauti, si sono soffermati su alcune persone che si vedono sullo sfondo, ritenute guardie del corpo, ingaggiate per proteggere il “Re del rock”.